´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Year Of No Light - Consolamentum (Pelagic)

Ultime recensioni

The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII
Rid Of Me - Access To The LonelyRid Of Me
Access To The Lonely
Green Lung - This Heathen LandGreen Lung
This Heathen Land
Ragana - DesolationRagana
Desolation's Flower
Reverend Kristin Michael Hayter - Saved!Reverend Kristin Michael Hayter
Saved!
Svalbard - The Weight Of The MaskSvalbard
The Weight Of The Mask
Wolves In The Throne Room - Crypt of Ancestral KnowledgeWolves In The Throne Room
Crypt of Ancestral Knowledge
Boris - & Uniform - Bright New DiseaseBoris
& Uniform - Bright New Disease
Paroxysm Unit - Fragmentation StratagemParoxysm Unit
Fragmentation Stratagem

Year Of No Light - Consolamentum
Autore: Year Of No Light
Titolo: Consolamentum
Etichetta: Pelagic
Anno: 2021
Produzione: Cyrille Gachet
Genere: metal / post-metal / sludge

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Consolamentum





Da anni il post-metal Ŕ in cul-de-sac da cui sembra impossibile uscire. Tante belle produzioni muscolose, tante belle grafiche spaziali, tante pennatone di chitarra, tanti delay lasciati a creare pathos ma anche tanta inutilitÓ. Un cul de sac che appassiona i fanatici ma che annoia tutti gli altri. Year Of No Light, al contrario, sono sempre stati un piccolo segreto che gli amanti del genere preferiscono non divulgare preservandone le peculiaritÓ.

Due batterie, tre chitarre e un basso, nessuna voce. Personalmente li ho scoperti con l'ottimo "Ausserwelt", me li sono goduti dal vivo al Roadburn e ho apprezzato quando hanno sonorizzato "Vampyr". Il silenzio di circa 8 anni con cui si ripresentano dimostra come i francesi si siano fatti vivi per dire qualcosa di interessante.

"Consolamentum" Ŕ il classico disco post-metal che non uscirÓ dal giro dei fanatici, esattamente come i loro precedenti, ma Ŕ un ottimo disco post-metal. La band gioca molto bene con gli equilibri chiaro/scuri, forte/piano che dovrebbe essere il minimo sindacale per una band di questo tipo ma che, alla luce dei fatti, Ŕ il traguardo a cui tanti vorrebbero aspirare. La mancanza di voce alcune volte si fa sentire ma Ŕ anche vero che Ŕ preferibile rispetto al classico urlato senza senso o al depressone di turno.

Isis e Neurosis sono sempre lass¨, irrangiungibili, ma poco sotto possiamo inserire senza problemi Year Of No Light, una band che in carriera ha saputo dosare con gusto gli ingredienti a sua disposizione. Per fare un nome: meglio dei Pelican.

[Dale P.]

Canzoni significative: AlŔtheia, Realgar.


Questa recensione Ú stata letta 305 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

15/04/2011TilburgRoadburn Festival 2011 Day 2

tAXI dRIVER consiglia

Briqueville - QuelleBriqueville
Quelle
Ocean, The - PrecambrianOcean, The
Precambrian
A Storm Of Light - As The Valley Of DeathA Storm Of Light
As The Valley Of Death
Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP
Burst - Lazarus BirdBurst
Lazarus Bird
Rosetta - A Determinism Of MoralityRosetta
A Determinism Of Morality
Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising
Zu - CarboniferousZu
Carboniferous
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII
Celeste - Mortes NeesCeleste
Mortes Nees