´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Year Of No Light - Consolamentum (Pelagic)

Ultime recensioni

Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Gateways to Resplendence - Abhorrent ExpanseGateways to Resplendence
Abhorrent Expanse
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time
Vorlust - Lick The FleshVorlust
Lick The Flesh

Year Of No Light - Consolamentum
Autore: Year Of No Light
Titolo: Consolamentum
Etichetta: Pelagic
Anno: 2021
Produzione: Cyrille Gachet
Genere: metal / post-metal / sludge

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Consolamentum





Da anni il post-metal Ŕ in cul-de-sac da cui sembra impossibile uscire. Tante belle produzioni muscolose, tante belle grafiche spaziali, tante pennatone di chitarra, tanti delay lasciati a creare pathos ma anche tanta inutilitÓ. Un cul de sac che appassiona i fanatici ma che annoia tutti gli altri. Year Of No Light, al contrario, sono sempre stati un piccolo segreto che gli amanti del genere preferiscono non divulgare preservandone le peculiaritÓ.

Due batterie, tre chitarre e un basso, nessuna voce. Personalmente li ho scoperti con l'ottimo "Ausserwelt", me li sono goduti dal vivo al Roadburn e ho apprezzato quando hanno sonorizzato "Vampyr". Il silenzio di circa 8 anni con cui si ripresentano dimostra come i francesi si siano fatti vivi per dire qualcosa di interessante.

"Consolamentum" Ŕ il classico disco post-metal che non uscirÓ dal giro dei fanatici, esattamente come i loro precedenti, ma Ŕ un ottimo disco post-metal. La band gioca molto bene con gli equilibri chiaro/scuri, forte/piano che dovrebbe essere il minimo sindacale per una band di questo tipo ma che, alla luce dei fatti, Ŕ il traguardo a cui tanti vorrebbero aspirare. La mancanza di voce alcune volte si fa sentire ma Ŕ anche vero che Ŕ preferibile rispetto al classico urlato senza senso o al depressone di turno.

Isis e Neurosis sono sempre lass¨, irrangiungibili, ma poco sotto possiamo inserire senza problemi Year Of No Light, una band che in carriera ha saputo dosare con gusto gli ingredienti a sua disposizione. Per fare un nome: meglio dei Pelican.

[Dale P.]

Canzoni significative: AlŔtheia, Realgar.


Questa recensione Ú stata letta 185 volte!
Vota Questo Disco:



Live Reports

15/04/2011TilburgRoadburn Festival 2011 Day 2

tAXI dRIVER consiglia

Les Discrets - Ariettes OublieesLes Discrets
Ariettes Oubliees
Mare - Mare EPMare
Mare EP
Isis - Live 4 Selections 2001-2005Isis
Live 4 Selections 2001-2005
Vanessa Van Basten - La Stanza Di SwedenborgVanessa Van Basten
La Stanza Di Swedenborg
Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Burnt By The Sun - Heart Of DarknessBurnt By The Sun
Heart Of Darkness
Neurosis - The Eye Of Every StormNeurosis
The Eye Of Every Storm
Dyskinesia - Dalla NascitaDyskinesia
Dalla Nascita
Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP
Kongh - Shadows Of The ShapelessKongh
Shadows Of The Shapeless