Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Andrew W.K. - God Is Partying (Napalm)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Andrew W.K. - God Is Partying
Autore: Andrew W.K.
Titolo: God Is Partying
Etichetta: Napalm
Anno: 2021
Produzione: Ted Young
Genere: rock / hard rock / pop

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta God Is Partying





Andrew W.K. non è Frank Zappa, forse si avvicina più a Dave Grohl. Ma sicuramente non è uno che ama a stare a cazzeggiare in giro, sebbene si spacci per un uomo da party selvaggio. Dai tempi di "I Get Wet" (disco divertentissimo che suona ancora fresco a 20 anni di distanza) il nostro ha fatto un po' di tutto rimanendo però ai margini, conscio che di non essere una personalità facilmente comprensibile alle grandi masse.

"God Is Partying" è un disco decisamente stravagante, ben lontano dall'immediatezza di "Party Hard" e da tutto quello che è venuto dopo (dischi solo pianoforte e un album su Gundam per fare due esempi). E' un disco classificabile nel genere "pomp rock": Queen, Bon Jovi, Meat Loaf, Alice Cooper, Pink Floyd vanno a braccetto con Devin Townsend, Judas Priest, Ghost, Beatles e chi ne ha più ne metta! Uno schifo? Probabilmente se lo avesse fatto qualcun'altro si ma l'ha composto, suonato, registrato interamente il caro Andrew e quindi è abbastanza una figata. Sicuramente si è divertito e noi, dopo un po' di ascolti di rodaggio, pure. Le canzoni sono tutte formidabili sebbene ricordino cose che non fa molto figo dire di amare. Però sticazzi. Il party è finito e rimane la malinconia dei ricordi: questo è "God Is Partying". Una celebrazione del rock, quello che non si fa più. E che meno male fa solo Andrew.

[Dale P.]

Canzoni significative: Everybody Sins, Babalon, I'm In Heaven.

Questa recensione é stata letta 596 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Andrew W.K. - I Get WetAndrew W.K.
I Get Wet

tAXI dRIVER consiglia

The Lunar Effect -  Calm Before The CalmThe Lunar Effect
Calm Before The Calm
Blue Cheer - Vincebus EruptumBlue Cheer
Vincebus Eruptum
Hallas - ConundrumHallas
Conundrum
Who, The - WhoWho, The
Who's Next
Sisteria - Dark MatterSisteria
Dark Matter
Hellacopters - High VisibilityHellacopters
High Visibility
The Want - Greatest Hits Vol 5The Want
Greatest Hits Vol 5
Hellacopters - By The Grace Of GodHellacopters
By The Grace Of God
Graveyard - Hisingen BluesGraveyard
Hisingen Blues
Small Jackets - Play At High LevelSmall Jackets
Play At High Level