Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Franz Ferdinand - You Could Have It So Much Better (Domino)

Ultime recensioni

Orange Goblin - Science Not FictionOrange Goblin
Science Not Fiction
Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast

Franz Ferdinand - You Could Have It So Much Better
Autore: Franz Ferdinand
Titolo: You Could Have It So Much Better
Etichetta: Domino
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / pop /

Voto:



Gli scozzesi Franz Ferdinand hanno un enorme pregio: entrano subito in testa.

Questo pregio diventa automaticamente un difetto nel momento in cui ci accorgiamo di canticchiare e ballare una canzone orribile.

Ho paura però che i Franz Ferdinand li balleremo ancora a lungo: la natura intrinsceca di band più paracula dell'universo ce li farà trascinare lungo la nostra esistenza fra dischi nuovi e revival degli anni 2000.

Ok, fanno muovere il culo ma, chessò, gli LCD Soundsystem lo fanno muovere 10000 volte tanto. Hanno canzoni orecchiabili, ma anche gli A-ha ce le avevano. Suonano, è vero, ma lo fanno come una persona qualunque che ha lo strumento in mano da due anni. Le idee, infine, le hanno lasciate nei bagni degli studi di registrazione dato che è un perenne riciclaggio di cose trite e ritrite che partono dagli anni 60 (Beatles), passano velocemente dagli anni 70 e 80 (funky, disco e new wave) e finiscono nei 90 (Blur).

Le variazioni con il primo? Probabilmente è anche peggio. Il senso della loro esistenza?? Piacciono alle ragazze. Quindi scaricatelo, masterizzatelo e mettete il cd in macchina quando portate una ragazza che vi piace e non brilla per gusto musicale.

Per il resto auguro a tutti loro di farsi così tanti soldi da ritirarsi a vita privata al più presto.

[Dale P.]

Canzoni significative: Do You Want To.

Questa recensione é stata letta 3823 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Franz Ferdinand - Franz FerdinandFranz Ferdinand
Franz Ferdinand

Live Reports

04/09/2004BolognaIndipendent Days Festival
09/12/2005CopenhagenKB Hallen

tAXI dRIVER consiglia

Velvet Underground - White Light White HeatVelvet Underground
White Light White Heat
Neil Young - WeldNeil Young
Weld
Subsonica - Controllo Del Livello Di RomboSubsonica
Controllo Del Livello Di Rombo
Pearl Jam - Riot ActPearl Jam
Riot Act
Nick Cave - HenryNick Cave
Henry's Dream
Velvet Underground - The Velvet UndergroundVelvet Underground
The Velvet Underground
Joe Strummer - StreetcoreJoe Strummer
Streetcore
T-Rex - Electric WarriorT-Rex
Electric Warrior
Nick Cave - Murder BalladsNick Cave
Murder Ballads
Neil Young - GreendaleNeil Young
Greendale