Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Jambinai - ONDA (Bella Union)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Jambinai - ONDA
Autore: Jambinai
Titolo: ONDA
Etichetta: Bella Union
Anno: 2019
Produzione: Hyunggun Kim
Genere: rock / post-rock / avantgarde

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Quando il post-rock lo dai per morto spunta un disco che ti fa cambiare idea. E' così da più di 20 anni ed è quello che rende interessante ascoltare il genere ancora oggi. Che pur essendo un genere "di ricerca" mantiene fin dagli esordi gli stessi clichè. Stessa cosa per il post-metal, esattamente per lo stesso motivo. Da una parte abbiamo i cloni dei Mogwai, dall'altra quella dei Neurosis, in mezzo per fortuna si inserisce di tanto in tanto un gruppo destabilizzante. Questa volta è il caso dei Sud Coreani Jambinai a cui le etichette, in realtà, stanno molto strette. Il terzo disco "ONDA" viaggia tra arpeggi post-rock, pennate post-metal, ardite costruzioni progressive (metal), una spruzzata di elettronica e tanto, tantissimo folklore sud coreano, impreziosito da strumenti tipici. E' proprio quest'ultimo elemento a rendere interessante la band: note aliene, svisate improvvise, melodie inafferrabili. "ONDA" è un album curioso, sorprendente e sicuramente originale. Se siete in cerca di qualcosa di atipico non perdetelo. Forse un po' troppo "metal" per i puristi del post rock, ma se vi fate questi problemi non dovreste essere da queste parti.

[Dale P.]

Canzoni significative: Event Horizon, Small Consolation.


Questa recensione é stata letta 732 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

caroline - carolinecaroline
caroline
Grails - Black Tar Prophecies VolGrails
Black Tar Prophecies Vol's 1,2, & 3
Vanessa Van Basten - Vanessa Van BastenVanessa Van Basten
Vanessa Van Basten
Sprain - The Lamb As EffigySprain
The Lamb As Effigy
Low - Things We Lost In The FireLow
Things We Lost In The Fire
Don Caballero - What Burns Never ReturnsDon Caballero
What Burns Never Returns
Jambinai - ONDAJambinai
ONDA
Sigur Ros - Hvarf/HeimSigur Ros
Hvarf/Heim
Nadja - AutopergameneNadja
Autopergamene
Battles - Juice B CryptsBattles
Juice B Crypts