Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Jambinai - ONDA (Bella Union)

Ultime recensioni

Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight

Jambinai - ONDA
Autore: Jambinai
Titolo: ONDA
Etichetta: Bella Union
Anno: 2019
Produzione: Hyunggun Kim
Genere: rock / post-rock / avantgarde

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Quando il post-rock lo dai per morto spunta un disco che ti fa cambiare idea. E' così da più di 20 anni ed è quello che rende interessante ascoltare il genere ancora oggi. Che pur essendo un genere "di ricerca" mantiene fin dagli esordi gli stessi clichè. Stessa cosa per il post-metal, esattamente per lo stesso motivo. Da una parte abbiamo i cloni dei Mogwai, dall'altra quella dei Neurosis, in mezzo per fortuna si inserisce di tanto in tanto un gruppo destabilizzante. Questa volta è il caso dei Sud Coreani Jambinai a cui le etichette, in realtà, stanno molto strette. Il terzo disco "ONDA" viaggia tra arpeggi post-rock, pennate post-metal, ardite costruzioni progressive (metal), una spruzzata di elettronica e tanto, tantissimo folklore sud coreano, impreziosito da strumenti tipici. E' proprio quest'ultimo elemento a rendere interessante la band: note aliene, svisate improvvise, melodie inafferrabili. "ONDA" è un album curioso, sorprendente e sicuramente originale. Se siete in cerca di qualcosa di atipico non perdetelo. Forse un po' troppo "metal" per i puristi del post rock, ma se vi fate questi problemi non dovreste essere da queste parti.

[Dale P.]

Canzoni significative: Event Horizon, Small Consolation.


Questa recensione é stata letta 724 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Really From - Really FromReally From
Really From
Ison - AuroraIson
Aurora
Battles - Juice B CryptsBattles
Juice B Crypts
Red Sparowes - Every Red Heart Shines Toward the Red SunRed Sparowes
Every Red Heart Shines Toward the Red Sun
Jambinai - ONDAJambinai
ONDA
Grails - Anches En MaatGrails
Anches En Maat
Fuck Buttons - Street HorrrsingFuck Buttons
Street Horrrsing
Karate - Cancel/SingKarate
Cancel/Sing
Giardini Di Mirò - Rise And Fall Of Academic DriftingGiardini Di Mirò
Rise And Fall Of Academic Drifting
Don Caballero - What Burns Never ReturnsDon Caballero
What Burns Never Returns