Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Big Brave - & The Body - Leaving None But Small Birds (Thrill Jockey)

Ultime recensioni

Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null

Big Brave - & The Body - Leaving None But Small Birds
Autore: Big Brave
Titolo: & The Body - Leaving None But Small Birds
Etichetta: Thrill Jockey
Anno: 2021
Produzione: Seth Manchester
Genere: rock / folk / experimental

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta & The Body - Leaving None But Small Birds





Big Brave e The Body sono fra le band più pesanti attualmente in attività. Pesanti dal punto di vista della proposta, pesanti per il suono che malleano abitualmente. Ero quindi molto curioso per questa collaborazione che prometteva di essere letteralmente devastante per le nostre povere orecchie.

Essendo però due band geniali in tutto quello che fanno i 7 (3+2+2 intrusi) si sono ritrovati invece per suonare la musica più leggera mai fatta: il folk. Folk che prende dal Canada, dall'Inghilterra e degli Appallacchi, risuonato e rivitalizzato con l'intensità che solo questi personaggi ultra sensibili sono in grado di riprodurre. Inutile dire che a fare da leone è la performance vocale di Robin Wattie ma è indubbio che anche il resto della band ci metta del proprio per far vibrare i sensi dell'ascoltatore.

Tantissimi i momenti da pelle d'oca in un disco che è da affiancare negli ascolti tra l'ultimo Lingua Ignota (Sinner Get Ready) e l'ultimo Low (Hey What). Bravi tutti.

[Dale P.]

Canzoni significative: Oh Sinner, Hard Times.

Questa recensione é stata letta 270 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Big Brave - A Gaze Among ThemBig Brave
A Gaze Among Them
Big Brave - VitalBig Brave
Vital

NEWS


20/10/2022 Annunciano "nature morte"

tAXI dRIVER consiglia

Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine
Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower
Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Johnny Cash - The Man Comes AroundJohnny Cash
The Man Comes Around
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
Southern Isolation - Southern IsolationSouthern Isolation
Southern Isolation
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs