Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Black Label Society - Hangover Music Vol.VI (Spitfire)

Ultime recensioni

Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity

Black Label Society - Hangover Music Vol.VI
Autore: Black Label Society
Titolo: Hangover Music Vol.VI
Anno: 2004
Produzione:
Genere: rock / grunge / metal

Voto:



Il nuovo amore di Zakk Wylde sono gli Alice In Chains. La chitarra di Toni Iommi si trasforma in quella di Jerry Cantrell, più moderna ma sempre degna di essere tributata dei giusti onori. Allo stesso tempo, Zakk, cerca di immedesimarsi in Layne Staley, cantando in modo molto ulceroso e malato, cercando di imitare lo stile di uno dei più grandi cantanti degli anni 90. A chiudere il cerchio arriva Mike Inez bassista della band da Dirt in poi.

Il cambiamento di Zakk farà sicuramente storcere il naso ai puristi. Il disco risulta, infatti, nella sua interezza molto tranquillo, basato su riff di chitarra acustica. Pensate agli Alice In Chains di Dirt e Jar Of Flies e avrete un'idea. Secondo me, il risultato finale è molto buono, certamente non arriviamo alle vette della band originale ma giusto poco sotto. Consiglio questo Hangover Music Vol.VI ai veri fan di Zakk Wylde che si studieranno ogni nota, ai fan degli Alice In Chains e a tutti coloro che vogliono un disco suonato da dio ma senza orpelli inutili. Ma i metallari più chiusi sono avvertiti: scordatevi i Black Sabbath.

Segnaliamo un tributo a Layne nell'omonima canzone.

[Dale P.]

Canzoni Significative: Steppin Stone, Yesterday Today Tomorrow.


Questa recensione é stata letta 3796 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Black Label Society - 1919 EternalBlack Label Society
1919 Eternal

tAXI dRIVER consiglia

Lingua - The Smell Of A Life That Could Have BeenLingua
The Smell Of A Life That Could Have Been
Mudhoney - Piece Of CakeMudhoney
Piece Of Cake
Alice In Chains - LiveAlice In Chains
Live
AA.VV. - Hype! Surviving The Northwest Rock ExplosionAA.VV.
Hype! Surviving The Northwest Rock Explosion
Pearl Jam - BinauralPearl Jam
Binaural
Loveblobs - Prehistoric ExtractionLoveblobs
Prehistoric Extraction
Mudhoney - My Brother The CowMudhoney
My Brother The Cow
Pearl Jam - TenPearl Jam
Ten
Alice In Chains - FaceliftAlice In Chains
Facelift
Green River - Dry As A Bone/Rehab DollGreen River
Dry As A Bone/Rehab Doll