Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Nest - Brutus (Sargent House)

Ultime recensioni

Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies
Baby Shakes - Cause A SceneBaby Shakes
Cause A Scene

Brutus - Nest
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Sargent House
Anno: 2019
Produzione: Jesse Gander
Genere: rock / post-rock / post-hardcore
Scheda autore: Brutus



Discogs segnala 23 band di nome Brutus: loro vengono dal Belgio e questo "Nest" è il secondo album, dopo "Burst" del 2017. Il primo disco vedeva una band grintosa, vicina a certo post hardcore mescolato a post rock e shoegaze, il tutto sormontato dalla bella voce della batterista Stefanie Mannaerts.

"Nest" cambia leggermente le carte in tavola: le chitarre perdono i riff heavy in favore di riverberoni e delay shoegaze, la batteria passa in primo piano e soprattutto le canzoni diventano Stefanie-centriche. Queste scelte fanno svettare l'orecchiabilità e a guardagnarci sono ovviamente le canzoni, molto più a fuoco e riconoscibili. Il trittico iniziale è da urlo: "Fire", "Django", "Cemetery" non possono non lasciare l'ascoltare basito grazie ai numerosi sali-scendi emozionali. Il proseguo del disco è su questi temi, cosa che può risultare un po' noiosa ai primi ascolti ma che pian pianino rivela anche le gemme nascoste nel proseguo della tracklist (ad esempio "War").

In "Burst" il piatto non è vario ma è decisamente gustoso. Ma è consigliabile iniziare con piccoli assaggi.

[Dale P.]

Canzoni significative: Fire, Django, Cemetery, War.


Questa recensione é stata letta 172 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Fuck Buttons - Street HorrrsingFuck Buttons
Street Horrrsing
90 Day Men - To Everybody90 Day Men
To Everybody
Nadja - AutopergameneNadja
Autopergamene
Slint - SpiderlandSlint
Spiderland
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics
65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math
Don Caballero - What Burns Never ReturnsDon Caballero
What Burns Never Returns
65 Days Of Static - One Time For All Time65 Days Of Static
One Time For All Time
Jambinai - ONDAJambinai
ONDA
Red Sparowes - At The Soundless DawnRed Sparowes
At The Soundless Dawn