Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Nest - Brutus (Sargent House)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Brutus - Nest
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Sargent House
Anno: 2019
Produzione: Jesse Gander
Genere: rock / post-rock / post-hardcore
Scheda autore: Brutus



Discogs segnala 23 band di nome Brutus: loro vengono dal Belgio e questo "Nest" è il secondo album, dopo "Burst" del 2017. Il primo disco vedeva una band grintosa, vicina a certo post hardcore mescolato a post rock e shoegaze, il tutto sormontato dalla bella voce della batterista Stefanie Mannaerts.

"Nest" cambia leggermente le carte in tavola: le chitarre perdono i riff heavy in favore di riverberoni e delay shoegaze, la batteria passa in primo piano e soprattutto le canzoni diventano Stefanie-centriche. Queste scelte fanno svettare l'orecchiabilità e a guardagnarci sono ovviamente le canzoni, molto più a fuoco e riconoscibili. Il trittico iniziale è da urlo: "Fire", "Django", "Cemetery" non possono non lasciare l'ascoltare basito grazie ai numerosi sali-scendi emozionali. Il proseguo del disco è su questi temi, cosa che può risultare un po' noiosa ai primi ascolti ma che pian pianino rivela anche le gemme nascoste nel proseguo della tracklist (ad esempio "War").

In "Burst" il piatto non è vario ma è decisamente gustoso. Ma è consigliabile iniziare con piccoli assaggi.

[Dale P.]

Canzoni significative: Fire, Django, Cemetery, War.


Questa recensione é stata letta 326 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Red Sparowes - Every Red Heart Shines Toward the Red SunRed Sparowes
Every Red Heart Shines Toward the Red Sun
Don Caballero - What Burns Never ReturnsDon Caballero
What Burns Never Returns
Sigur Ros - Hvarf/HeimSigur Ros
Hvarf/Heim
Nadja - AutopergameneNadja
Autopergamene
65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math
Slint - SpiderlandSlint
Spiderland
 Miranda
Whale Shit
Red Sparowes - At The Soundless DawnRed Sparowes
At The Soundless Dawn
Fuck Buttons - Street HorrrsingFuck Buttons
Street Horrrsing
Brutus - NestBrutus
Nest