Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Pretend We Are Kings - Damien (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Damien - Pretend We Are Kings
Voto:
Anno: 2004
Produzione:
Genere: rock / grunge / punk
Scheda autore: Damien



Risulta incredibile vedere che questo "Let Us Pretend We Are Kings" sia completamente autoprodotto. Ottima produzione ma, soprattutto, una confezione degna dei dischi in commercio. Stupisce che la band non abbia trovato altre alternative per produrre la propria musica. Ma, il grunge, si sà, è un genere che moriva giusto 10 anni fa. Fa fico produrre band rock di dubbio valore piuttosto che qualcuno che si rifaccia al Seattle-sound.

Più lo ascolto più mi convinco sia un ottimo lavoro, per quanto non ami del tutto le band che si rifanno ai Nirvana, ma in voi c'è una bella attitudine "noise" e "in your face" che mi piace. Mi ricordate i My Vitriol, band troppo presto dimenticata capace di live-act devastanti. Nei Damien* c'è quella sensibilità tipicamente inglese (vedi nella ballata grungy "Black Rain Planet" in cui affiorano i Radiohead di The Bends) che li rende più vari e meno prevedibili della maggior parte delle band "nirvaniane" presenti nello stivale (vedi i comunque bravi Imodium).

Se vi piacciono Nirvana, Mudhoney, Muse e primi Radiohead questo lavoro fa per voi, se siete ossessionati dalla moda lasciate perdere, qui dentro c'è solo del muffoso grunge!!

[Dale P.]

Canzoni Significative: Always Wear A Pretty Shirt, Human Nature.


Questa recensione é stata letta 2841 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Pearl Jam - TenPearl Jam
Ten
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Alice In Chains - SAP EPAlice In Chains
SAP EP
Soundgarden - Louder Than LoveSoundgarden
Louder Than Love
Mudhoney - MudhoneyMudhoney
Mudhoney
Pearl Jam - Live At The Garden [DVD]Pearl Jam
Live At The Garden [DVD]
Green River - Dry As A Bone/Rehab DollGreen River
Dry As A Bone/Rehab Doll
Pearl Jam - VitalogyPearl Jam
Vitalogy
Pearl Jam - YieldPearl Jam
Yield
Pearl Jam - BinauralPearl Jam
Binaural