Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Pretend We Are Kings - Damien (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today
The Beths - Jump Rope GazersThe Beths
Jump Rope Gazers
Hum - InletHum
Inlet
Jesu - Never EPJesu
Never EP
Bell Witch - & Aerial Ruin - Stygian Bough Volume IBell Witch
& Aerial Ruin - Stygian Bough Volume I
Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal

Damien - Pretend We Are Kings
Voto:
Anno: 2004
Produzione:
Genere: rock / grunge / punk
Scheda autore: Damien



Risulta incredibile vedere che questo "Let Us Pretend We Are Kings" sia completamente autoprodotto. Ottima produzione ma, soprattutto, una confezione degna dei dischi in commercio. Stupisce che la band non abbia trovato altre alternative per produrre la propria musica. Ma, il grunge, si sà, è un genere che moriva giusto 10 anni fa. Fa fico produrre band rock di dubbio valore piuttosto che qualcuno che si rifaccia al Seattle-sound.

Più lo ascolto più mi convinco sia un ottimo lavoro, per quanto non ami del tutto le band che si rifanno ai Nirvana, ma in voi c'è una bella attitudine "noise" e "in your face" che mi piace. Mi ricordate i My Vitriol, band troppo presto dimenticata capace di live-act devastanti. Nei Damien* c'è quella sensibilità tipicamente inglese (vedi nella ballata grungy "Black Rain Planet" in cui affiorano i Radiohead di The Bends) che li rende più vari e meno prevedibili della maggior parte delle band "nirvaniane" presenti nello stivale (vedi i comunque bravi Imodium).

Se vi piacciono Nirvana, Mudhoney, Muse e primi Radiohead questo lavoro fa per voi, se siete ossessionati dalla moda lasciate perdere, qui dentro c'è solo del muffoso grunge!!

[Dale P.]

Canzoni Significative: Always Wear A Pretty Shirt, Human Nature.


Questa recensione é stata letta 2871 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

AA.VV. - Hype! Surviving The Northwest Rock ExplosionAA.VV.
Hype! Surviving The Northwest Rock Explosion
Plush - HandsPlush
Hands
Cold - 13 Ways To Bleed On StageCold
13 Ways To Bleed On Stage
Soundgarden - Down On The UpsideSoundgarden
Down On The Upside
Sunna - One Minute ScienceSunna
One Minute Science
Pearl Jam - YieldPearl Jam
Yield
Nirvana - NevermindNirvana
Nevermind
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
AA.VV. - Sub Pop 200AA.VV.
Sub Pop 200
Green River - Dry As A Bone/Rehab DollGreen River
Dry As A Bone/Rehab Doll