Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Pretend We Are Kings - Damien (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History
Black Magick SS - Rainbow NightsBlack Magick SS
Rainbow Nights
Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog

Damien - Pretend We Are Kings
Voto:
Anno: 2004
Produzione:
Genere: rock / grunge / punk
Scheda autore: Damien



Risulta incredibile vedere che questo "Let Us Pretend We Are Kings" sia completamente autoprodotto. Ottima produzione ma, soprattutto, una confezione degna dei dischi in commercio. Stupisce che la band non abbia trovato altre alternative per produrre la propria musica. Ma, il grunge, si sà, è un genere che moriva giusto 10 anni fa. Fa fico produrre band rock di dubbio valore piuttosto che qualcuno che si rifaccia al Seattle-sound.

Più lo ascolto più mi convinco sia un ottimo lavoro, per quanto non ami del tutto le band che si rifanno ai Nirvana, ma in voi c'è una bella attitudine "noise" e "in your face" che mi piace. Mi ricordate i My Vitriol, band troppo presto dimenticata capace di live-act devastanti. Nei Damien* c'è quella sensibilità tipicamente inglese (vedi nella ballata grungy "Black Rain Planet" in cui affiorano i Radiohead di The Bends) che li rende più vari e meno prevedibili della maggior parte delle band "nirvaniane" presenti nello stivale (vedi i comunque bravi Imodium).

Se vi piacciono Nirvana, Mudhoney, Muse e primi Radiohead questo lavoro fa per voi, se siete ossessionati dalla moda lasciate perdere, qui dentro c'è solo del muffoso grunge!!

[Dale P.]

Canzoni Significative: Always Wear A Pretty Shirt, Human Nature.


Questa recensione é stata letta 2860 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

10 Minute Warning - 10 Minute Warning10 Minute Warning
10 Minute Warning
Mudhoney - MudhoneyMudhoney
Mudhoney
Pearl Jam - VsPearl Jam
Vs
Soundgarden - Ultramega OkSoundgarden
Ultramega Ok
Godsmack - FacelessGodsmack
Faceless
Plush - HandsPlush
Hands
Soundgarden - BadmotorfingerSoundgarden
Badmotorfinger
Soundgarden - Down On The UpsideSoundgarden
Down On The Upside
Alice In Chains - LiveAlice In Chains
Live
AA.VV. - Sub Pop 200AA.VV.
Sub Pop 200