Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Evens, The - Get Even (Dischord)

Ultime recensioni

Afsky - Om hundrede rAfsky
Om hundrede r
Acid King - Beyond VisionAcid King
Beyond Vision
Screaming Females - Desire PathwayScreaming Females
Desire Pathway
Oozing Wound - Cathers The CowardOozing Wound
Cathers The Coward
Returning - SeverenceReturning
Severence
Sandrider - EnveletrationSandrider
Enveletration
Big Brave - Nature MorteBig Brave
Nature Morte
Eunoia - Psyop of the YearEunoia
Psyop of the Year
Ciemra - The Tread Of DarknessCiemra
The Tread Of Darkness
Sisteria - Dark MatterSisteria
Dark Matter
... And Oceans - As In Gardens, So In Tombs... And Oceans
As In Gardens, So In Tombs
Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
Bri - Corpos TransparentesBri
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Misyrming - Me HamriMisyrming
Me Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade

Evens, The - Get Even
Autore: Evens, The
Titolo: Get Even
Etichetta: Dischord
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / folk / alternative

Voto:



Arriva in sordina il secondo capitolo degli Evens, duo formato da Ian MacKaye e Amy Farina. La band non cambia la matrice musicale rispetto all'esordio dello scorso anno rimanendo su una sorta di folk sbilenco suonato con piglio hardcore.

Rispetto al precedente viene per meno la componente "sorpresa" lasciando all'ascoltatore il tempo di concentrarsi su songwriting e liriche.

Viene spontaneo paragonare gli Evens alle vecchie esperienze del duo, ed facile trovare rimandi ai Fugazi (ascoltate "Cache Is Empty" e ditemi cosa vi viene in mente!) cos come ai Warmers. Sorprendono invece i rimandi al rock e al folk, quasi a voler perpetuare una tradizione destinata all'oblio. Non sorprende, per esempio, il tributo-cameo agli Who su "You Fell Down" a rimarcare che il background di Ian non solo hardcore.

Le liriche sono come sempre intellingenti ed attuali, spesso veri e propri sfoghi contro Bush.

Per quanto riguarda il songwriting ritroviamo il consueto taglio intimista nella voce di Ian (gemella di Anthony Kiedis) ad accompagnare l'urlato che amiamo dai tempi dei Minor Threat. Il microfono per lasciato anche a Amy, alla voce solista e ancora pi spesso ai cori. Ian dal canto suo si rivela un grande martoriatore di chitarre (qui baritona), ogni plettrata sputa sangue e sudore, suonata con l'impeto dell'ultima della vita. Non delude neanche il drumming di Amy, come al solito frizzante, fantasioso, dinamico e mai banale.

Certamente non siamo ai livello dell'ingombrante passato ma i The Evens non si pongono neanche il problema. La loro urgenza comunicativa e fin quando avranno qualcosa da dire staremo ad ascoltarli.

[Dale P.]

Canzoni significative: Cache Is Empty, Everybody Knows.


Questa recensione stata letta 2394 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Evens, The - The EvensEvens, The
The Evens

Live Reports

29/10/2005GenovaTeatro Carignano

NEWS


21/11/2011 Streaming del Nuovo Singolo

tAXI dRIVER consiglia

Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Southern Isolation - Southern IsolationSouthern Isolation
Southern Isolation
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome