Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Dorthia Cottrell - Death Folk Country (Relapse)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Dorthia Cottrell - Death Folk Country
Autore: Dorthia Cottrell
Titolo: Death Folk Country
Etichetta: Relapse
Anno: 2023
Produzione: Jon K
Genere: rock / folk / country

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Death Folk Country





Non è raro che i cantanti di band (di successo o meno) dopo alcuni anni di attività decidano di intreprendere una carriera solista. Molto spesso questi progetti mettono in mostra la reale anima di artisti che si sentono ingabbiati dai clichè di genere in cui devono muoversi con i propri compagni. Alcune volte è solo una questione di ego. Dorthia Cottrell è la cantante dei doomster Windhand, band la cui definizione di genere sta comunque stretta, e arriva con Death Folk Country al suo secondo disco solista dopo l'album omonimo del 2015 (attualmente introvabile in formato fisico, speriamo in una ristampa). A differenza dei colleghi succitati Dorthia per certi versi completa il sound della sua band madre, un po' come fecero le parentesi acustiche degli Alice In Chains tra un disco e l'altro. Il mood è infatti quello maliconico e lento della band madre con la sola differenza che le canzoni sono accompagnate esclusivamente da una chitarra e qualche suono d'ambiente (chitarre suonate anche da un paio di Inter Arma). Per esempio il riff di "Midnight Boy" potrebbe essere quello portante di un brano dei Windhand. Nel brano, tra l'altro, troviamo proprio il bassista Parker Chandler assieme a Gina Gleason dei Baroness e Leanne Martz delle Misstallica. Le tre ragazze hanno tempo fa registrato un brano sotto il nome Darling lasciando presagire la nascita di un nuovo interessante progetto.

Secondo me queste belle canzoni sono esattamente quello che mancano ai dischi monolitici della band principale che seppur ottimi godrebbero di maggior considerazione grazie ad un ambientazione "death folk country".

L'unico difetto del disco è la copertina orrenda, per il resto è tutto più che ottimo.

[Dale P.]

Canzoni significative: Harvester, Midnight Boy.


Questa recensione é stata letta 402 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs
Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
Lankum - False LankumLankum
False Lankum
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters