´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Steve Von Till - No Wilderness Deep Enough (Neurot)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Steve Von Till - No Wilderness Deep Enough
Titolo: No Wilderness Deep Enough
Etichetta: Neurot
Anno: 2020
Produzione: Randall Dunn
Genere: rock / folk / experimental

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta No Wilderness Deep Enough





Approcciare un disco dei Neurosis o quello di uno dei suoi componenti Ŕ sia un piacere che una fatica. Il piacere di ascoltare musica interessante, mai banale, intensa e ricca di significati. La fatica di uscirne a pezzi, con un umore non proprio solare e l'interrogativo se volerne ancora o non ascoltarla mai pi¨.

Ecco perchŔ ho imparato ad approcciare i loro lavori con calma, un poco alla volta, giudicandoli solo dopo averli metabolizzati.

Siamo quasi tutti d'accordo che Steve Von Till Ŕ il membro pi¨ interessante del progetto Neurosis, molto pi¨ del compagno Scott Kelly il quale Ŕ talvolta talmente parossistico da sfiorare la macchietta. Steve sa dosarsi, ragiona su ascolto molto dilatato e, soprattutto, pi¨ spirituale.

Tutto questo preambolo per dire che da Agosto a oggi (Febbraio) ho ascoltato questo disco con calma, con l'approccio da "singolo" e non da disco completo. Certo, non si parla di Dua Lipa o Beyonce: esattamente l'opposto. Ogni canzone del disco, per˛, Ŕ talmente ricca da soddisfare l'ascoltatore. Non perchŔ sia piena di arrangiamenti, virtuosisimi o chissÓ che barocchismi. Sono ricchi di intensitÓ e poesia, nella consueta sensibilitÓ da uomo vissuto. Un po' un papÓ, un po' uno zio, un po' l'eremita della montagna.

Ascoltatelo con calma, magari non nelle giornate di sole.

[Dale P.]

Canzoni significative: Shadows On The Run, Dreams Of Trees.


Questa recensione Ú stata letta 854 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Steve Von Till - A Deep Voiceless WildernessSteve Von Till
A Deep Voiceless Wilderness

tAXI dRIVER consiglia

Dorthia Cottrell - Death Folk CountryDorthia Cottrell
Death Folk Country
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs
Johnny Cash - The Man Comes AroundJohnny Cash
The Man Comes Around
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters