Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Franz Ferdinand - Franz Ferdinand (Domino)

Ultime recensioni

Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Gateways to Resplendence - Abhorrent ExpanseGateways to Resplendence
Abhorrent Expanse
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time

Franz Ferdinand - Franz Ferdinand
Autore: Franz Ferdinand
Titolo: Franz Ferdinand
Etichetta: Domino
Anno: 2004
Produzione:
Genere: indie / rock /

Voto:



Che schifo!! Il gruppo più paraculo del mondo!! Offensivi per tutti quei gruppi che si sbattono per trovare qualcosa di originale e ricercato. Offensivo verso coloro che spendono 20€ per ritrovarsi 11 brani stesi su 40 minuti di cui neanche una nota che vale il prezzo del biglietto. Anni fa i gruppi cloni venivano derisi dalla critica (pensate agli Stone Temple Pilots che almeno sapevano suonare), oggi il trend è quello di creare hype. Allora viva questa band che poteva chiamarsi Strokes 2.0 e nessuno si sarebbe scandalizzato. E già gli Strokes latitavano in originalità ma, almeno, avevano le canzoni. Questi Franz Ferdinand prendono le cose più semplici da suonare della storia della musica e provano a costruirci sopra un motivetto orecchiabile. Mettono l'effetto megafono distorto alla voce e il gioco è fatto. Ma basta!! Ai giornalisti i CD arrivano gratis e si possono anche divertire ad ascoltare un paio di brani di questa band ma, gli ascoltatori abituali, i dischi li pagano e bisogna avvertirli che certe cose non valgono che un paio di euro. Un brano come "Take Me Out" può andare bene da sentire in una discoteca rock ma in casa non ha motivo di esistere. Ed è la migliore del disco. Se siete dei trendisti fatelo vostro e sarete felici, lo stesso se vivete di Strokes e Cure, per tutti gli altri consiglio almeno un disco a caso degli Hot Hot Heat o di risparmiare i soldi per qualcosa di più stimolante.

[Dale P.]

Canzoni Significative: Take Me Out.


Questa recensione é stata letta 4300 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Franz Ferdinand - You Could Have It So Much BetterFranz Ferdinand
You Could Have It So Much Better

Live Reports

04/09/2004BolognaIndipendent Days Festival
09/12/2005CopenhagenKB Hallen

tAXI dRIVER consiglia

Sonic Youth - DirtySonic Youth
Dirty
Three One In Gentleman Suit - Some New StrategiesThree One In Gentleman Suit
Some New Strategies
 Sux!
Lucido
Kills, The - Keep On Your Mean SideKills, The
Keep On Your Mean Side
Zen Circus - Doctor SeductionZen Circus
Doctor Seduction
Evens, The - The EvensEvens, The
The Evens
Eels - SouljackerEels
Souljacker
 Giorgio Canali
Rossofuoco
Kaito - Band RedKaito
Band Red
Sleater Kinney - Dig Me OutSleater Kinney
Dig Me Out