´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental elettronica

Deep Politics - Grails (Temporary Residence)


Grails - Deep Politics
rock / post-rock / post-metal

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Voto utenti (231):

Etichetta: Temporary Residence
Produzione:
Anno: 2011

Scheda autore: Grails



Questi signori hanno dato vita ad un autentico capolavoro. Senza giri di parole, senza preamboli atti solo ad allungare il sugo o a creare inutile suspence, andiamo dritti al sodo: "Deep Politics" e' un album enorme. Intenso, emotivo, toccante. Splendido. Non conosce cedimenti il flusso narrativo dei Grails, sempre piu' abili nel comporre musica dalle accentuate tinte cinematografiche. Non e' un caso che qui venga coverizzato il tema di "Tutti i colori del buio", pellicola italiana di culto del 1972: ne viene restituito un affascinante affresco morriconiano, in cui l'aspetto piu' epico e melanconico e' sottolineato con estrema maestria.

Sono americani i Grails, ma pare che qui non vogliano invischiarsi col folk della loro terra, che pure continua a sfornare meravigliosi affreschi sonori (ad esempio, il recente come-back in solitario di Josh T. Pearson, ex Lift To Experience). C'e' una forte aura europea in questo album, ancor piu' che in passato. Nello specifico c'e' tanta Italia anni '60 e tanta Francia cantautorale nelle atmosfere di "Deep Politics".

Il solenne avvio di "Future Primitive" e' sospeso nel vuoto oscillando su una chitarra vagamente post-core prima che affiorino spirali mediorientali. "Almost Grew My Hair" e "I Led Three Lives" si innalzano su climax avvincenti passando per turbinii melodici minacciosi prima, visionari e ariosi subito dopo. "Deep Snow" e' traslucida e mostra le sue venature tortuose nei brillanti arpeggi di chitarra acustica; "Corridors Of Power" e' avvolta da una patina misteriosa ed arcana.

Ma e' con la title-track che i Grails sbancano: melodia di pianoforte dalle campiture autunnali che deflagra in tutto il suo doloroso candore quando a sorreggerla sopraggiungono archi struggenti come correnti che trasportano lacrime ed eco di pianti nascosti, superando in intensita' persino i migliori Black Heart Procession.

Il post-rock, di fronte a casi come questo, non e' piu' una lingua morta adatta ai mugugni di melense copie carbone di Mogwai, Godspeed You! Black Emperor, Labradford e compagnia storica, ma trova preziosa linfa per elaborare nuovi ed interessanti sbocchi comunicativi.

"Deep Politics" e' piu' grande della serie di Ep "Black Tar Prophecies", di "Doomsdayer's Holiday" e "Burning Off Impurities", luoghi sonori dove credevamo che i Grails avessero raggiunto i vertici assoluti delle loro capacita'. Con estremo piacere, ci eravamo sbagliati.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: tutte

Vota Questo Disco:

Questa recensione Ú stata letta 2313 volte!


Altre Recensioni

 Grails
Black Tar Prophecies Vol's 1,2, & 3
Grails - DoomsdayerGrails
Doomsdayer's Holiday
Grails - RedlightGrails
Redlight

NEWS


18/09/2012 Split Con Pharoah Overlord
27/01/2011 Il Nuovo Album a Marzo

tAXI dRIVER consiglia

*Shels - Plains Of The Purple Buffalo*Shels
Plains Of The Purple Buffalo
Red Sparowes - Every Red Heart Shines Toward the Red SunRed Sparowes
Every Red Heart Shines Toward the Red Sun
65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math
Giardini Di Mir˛ - Rise And Fall Of Academic DriftingGiardini Di Mir˛
Rise And Fall Of Academic Drifting
Don Caballero - What Burns Never ReturnsDon Caballero
What Burns Never Returns
Battles - MirroredBattles
Mirrored
Karate - Cancel/SingKarate
Cancel/Sing
Slint - SpiderlandSlint
Spiderland
90 Day Men - To Everybody90 Day Men
To Everybody
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics