Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Fowl - Heirs (Denovali)

Ultime recensioni

Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_RaŘl RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_RaŘl Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today
The Beths - Jump Rope GazersThe Beths
Jump Rope Gazers
Hum - InletHum
Inlet
Jesu - Never EPJesu
Never EP
Bell Witch - & Aerial Ruin - Stygian Bough Volume IBell Witch
& Aerial Ruin - Stygian Bough Volume I

Heirs - Fowl
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Denovali
Anno: 2010
Produzione: Neil Thomason
Genere: metal / post-metal / post-rock



La prima versione di questo articolo decretava la condanna a morte senza appello per questo quartetto australiano. Poi, in seguito ad una prolungata session di ascolti, e' giunta l'illuminazione. Ok, adesso messa in questi termini potreste pensare che da ciofeca dell'anno "Fowl" si sia miracolosamente trasformato in pieta miliare, ma vi bastera' dare un'occhiata alle stellette che gli sono state conferite per constatare che cosi' non e'.

Per capire come stavano le cose in partenza gettate due terzi delle suddette stellette nella pattumiera e vi sara' chiaro quindi come sia andata di gran lusso agli Heirs, che si ripresentano alle nostre orecchie dopo l'interessante "Alchera", lavoro d'esordio che risale ad un solo anno fa.

"Fowl" ne ripropone in tutto e per tutto i crismi, non ne migliora i difetti, si limita ad un songwriting controllato molto attratto da un post-rock dai grumosi detriti "core" qua e la'.

Gli Heirs tentano in tutti i modi di costruirsi un'identita' libera ed indipendente, ma soffrono troppo le inoccultabili influenze dalle quali e' davvero difficile che si liberino: i Neurosis di "Given To The Rising" (la title-track) e "Through Silver In Blood" ("Men"), i Tarentel (seppur corrosi dal doom come in "Dust", che, dobbiamo dirvelo, e' una noia mortale), i recenti Red Sparowes ("Burrow"), tutta gente che ha dato cospicui contributi ad un genere, il post-rock/core, oramai spremuto come un limone e giunto ad uno stallo che comincia ad apparire senza alcuna via d'uscita.

Per lo meno, e questo gioca di sicuro a loro favore, gli Heirs ci risparmiano l'ennesima scopiazzatura di Mogwai, Godspeed You! Black Emperor e affini, un trend che ha sonoramente falcidiato i genitali a tutti da queste parti.

Man mano che gli ascolti si susseguono, pero', emerge il tratto caratteristico della musica del four-piece di Melbourne: un'incombente catastrofe che non e' l'apparente sterile ostentazione di disperazione cosmica che desumevamo in principio; si configura, passaggio dopo passaggio, uno scenario in cui l'aria, una volta respirata, ha in bocca la consistenza della polvere e nei polmoni la pesantezza del cemento.

Non hanno grandi idee gli Heirs, non ci offrono quei picchi emotivi cui siamo abituati, non hanno neanche dei temi melodici cosi' epici, eppure non ci fanno schifo e ci riesce piuttosto difficile spiegarvi il motivo di una seppur contenuta promozione.

Avete bisogno di uno sterile metodo scientifico, di criteri di valutazione basati solo sull'originalita', sul dover suonare per forza cose rivoluzionarie, insomma, avete per forza bisogno delle soporifere argomentazioni imbevute di saccenteria ed arroganza come ne circolano a frotte a piede libero sul web per considerare degno il parere espresso in una recensione? Se cercate questo, che dirvi, rivolgetevi altrove mentre, scendendo nel dettaglio, vi confidiamo che le cose migliori di "Fowl" le abbiamo scovate proprio sul finire: "Mother" ci e' parso un affascinante ondeggiare stando sospesi a mezz'aria su di un mare trasparente, "Drain" un vorticoso ascendere verso la luce trafiggendo minacciose nubi.

Non ci profondiamo in lodi sperticate perche' sarebbero del tutto immeritate, gli Heirs non ce li porteremmo mica sulla tanto celebre isola deserta, tanto per fare un esempio piu' banale del concetto stesso di banalita'. Rimane pero' quell'eco affascinante nei loro brani, quel feeling che in principio non eravamo riusciti a cogliere. Se questo con tutti voi non dovesse instaurarsi, pero', vorra' dire che siamo degli emeriti incompetenti.

[Marco Giarratana]

Canzoni Significative: Mother, Drain, Men.


Questa recensione Ú stata letta 2247 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Burnt By The Sun - Heart Of DarknessBurnt By The Sun
Heart Of Darkness
Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice
Kongh - Shadows Of The ShapelessKongh
Shadows Of The Shapeless
Vanessa Van Basten - Psygnosis EPVanessa Van Basten
Psygnosis EP
Spotlights - Love & DecaySpotlights
Love & Decay
Neurosis - The Eye Of Every StormNeurosis
The Eye Of Every Storm
Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising
Ocean, The - PrecambrianOcean, The
Precambrian
Les Discrets - Ariettes OublieesLes Discrets
Ariettes Oubliees
Isis - PanopticonIsis
Panopticon