Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Institute - Distort Yourself (Universal)

Ultime recensioni

Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Gateways to Resplendence - Abhorrent ExpanseGateways to Resplendence
Abhorrent Expanse
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time
Vorlust - Lick The FleshVorlust
Lick The Flesh

Institute - Distort Yourself
Autore: Institute
Titolo: Distort Yourself
Etichetta: Universal
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / alternative /

Voto:



Per affrontare la recensione di "Distor Yourself" ho deciso di ascoltarlo tanto. Ma proprio tanto. Per togliere la patina di pregiudizio dovuta alla presenza di Gavin Rossdale dei Bush.

Institute sono il già citato Gavin, il chitarrista Chris Traynor (Helmet, Orange 9mm), il bassista Cache Tolman (CIV, Rival Schools) e il batterista Charlie Walker. Alla produzione troviamo Page Hamilton (Helmet).

Leggere certi nomi associati ai Bush lascia parecchie perplessità ma, forse, noi siamo stati abituati a giudicare la band con troppa superficialità.

Ecco perchè mi inoltro da settimane nell'ascoltato di questo "Distort Yourself". Alla fine però il risultato combacia con la prima impressione: gli Institute sono la versione Mtv degli Helmet. Ognuna delle 12 canzoni sembrano la versione senza tiro di "Unsung" degli Helmet (canzone che ha influenzato migliaia di band prima degli Institute). In più la voce di Gavin è troppo patinata, pulitina e ruffiana per una musica che dovrebbe trasmettere disagio urbano e rabbia.

In soldoni, è apprezzabile che Gavin non abbia scelto la strada facile del successo commerciale (vedi sua moglie Gwen Stefani) ma purtroppo le intenzioni da sole non sollevano un prodotto piuttosto scarso. Troppo duro per la massa, troppo banale per gli alternativi.

[Dale P.]

Canzoni significative: Wasteland, Come On Over.

Questa recensione é stata letta 3816 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


06/06/2005 Nuova Band Per Gavin Rossdale

tAXI dRIVER consiglia

Strokes, The - Is This ItStrokes, The
Is This It
AA.VV. - Judgment NightAA.VV.
Judgment Night
Helms Alee - Keep This Be The WayHelms Alee
Keep This Be The Way
(P)itch - Bambina Atomica(P)itch
Bambina Atomica
 Tre Allegri Ragazzi Morti
La Testa Indipendente
Margaritas Podridas - Margaritas PodridasMargaritas Podridas
Margaritas Podridas
Dredg - El CieloDredg
El Cielo
Danko Jones - We Sweat BloodDanko Jones
We Sweat Blood
LetLet's Get Lost
...I Remember Yesterday When I Was Grey
Melvins - TrilogyMelvins
Trilogy