Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

ONDA - Jambinai (Bella Union)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Jambinai - ONDA
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2019
Produzione: Hyunggun Kim
Genere: rock / post-rock / avantgarde
Scheda autore: Jambinai



Quando il post-rock lo dai per morto spunta un disco che ti fa cambiare idea. E' così da più di 20 anni ed è quello che rende interessante ascoltare il genere ancora oggi. Che pur essendo un genere "di ricerca" mantiene fin dagli esordi gli stessi clichè. Stessa cosa per il post-metal, esattamente per lo stesso motivo. Da una parte abbiamo i cloni dei Mogwai, dall'altra quella dei Neurosis, in mezzo per fortuna si inserisce di tanto in tanto un gruppo destabilizzante. Questa volta è il caso dei Sud Coreani Jambinai a cui le etichette, in realtà, stanno molto strette. Il terzo disco "ONDA" viaggia tra arpeggi post-rock, pennate post-metal, ardite costruzioni progressive (metal), una spruzzata di elettronica e tanto, tantissimo folklore sud coreano, impreziosito da strumenti tipici. E' proprio quest'ultimo elemento a rendere interessante la band: note aliene, svisate improvvise, melodie inafferrabili. "ONDA" è un album curioso, sorprendente e sicuramente originale. Se siete in cerca di qualcosa di atipico non perdetelo. Forse un po' troppo "metal" per i puristi del post rock, ma se vi fate questi problemi non dovreste essere da queste parti.

[Dale P.]

Canzoni significative: Event Horizon, Small Consolation.


Questa recensione é stata letta 202 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Red Sparowes - Every Red Heart Shines Toward the Red SunRed Sparowes
Every Red Heart Shines Toward the Red Sun
 Madrigali Magri
L'Avaro
LL'Altra
In The Afternoon
Ronin - RoninRonin
Ronin
Don Caballero - What Burns Never ReturnsDon Caballero
What Burns Never Returns
Brutus - NestBrutus
Nest
Vanessa Van Basten - Vanessa Van BastenVanessa Van Basten
Vanessa Van Basten
65 Days Of Static - One Time For All Time65 Days Of Static
One Time For All Time
Giardini Di Mirò - Rise And Fall Of Academic DriftingGiardini Di Mirò
Rise And Fall Of Academic Drifting
65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math