´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Jambinai - ONDA (Bella Union)

Ultime recensioni

Afsky - Om hundrede ňrAfsky
Om hundrede ňr
Acid King - Beyond VisionAcid King
Beyond Vision
Screaming Females - Desire PathwayScreaming Females
Desire Pathway
Oozing Wound - Cathers The CowardOozing Wound
Cathers The Coward
Returning - SeverenceReturning
Severence
Sandrider - EnveletrationSandrider
Enveletration
Big Brave - Nature MorteBig Brave
Nature Morte
Eunoia - Psyop of the YearEunoia
Psyop of the Year
Ciemra - The Tread Of DarknessCiemra
The Tread Of Darkness
Sisteria - Dark MatterSisteria
Dark Matter
... And Oceans - As In Gardens, So In Tombs... And Oceans
As In Gardens, So In Tombs
Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade

Jambinai - ONDA
Autore: Jambinai
Titolo: ONDA
Etichetta: Bella Union
Anno: 2019
Produzione: Hyunggun Kim
Genere: rock / post-rock / avantgarde

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Quando il post-rock lo dai per morto spunta un disco che ti fa cambiare idea. E' cosý da pi¨ di 20 anni ed Ŕ quello che rende interessante ascoltare il genere ancora oggi. Che pur essendo un genere "di ricerca" mantiene fin dagli esordi gli stessi clichŔ. Stessa cosa per il post-metal, esattamente per lo stesso motivo. Da una parte abbiamo i cloni dei Mogwai, dall'altra quella dei Neurosis, in mezzo per fortuna si inserisce di tanto in tanto un gruppo destabilizzante. Questa volta Ŕ il caso dei Sud Coreani Jambinai a cui le etichette, in realtÓ, stanno molto strette. Il terzo disco "ONDA" viaggia tra arpeggi post-rock, pennate post-metal, ardite costruzioni progressive (metal), una spruzzata di elettronica e tanto, tantissimo folklore sud coreano, impreziosito da strumenti tipici. E' proprio quest'ultimo elemento a rendere interessante la band: note aliene, svisate improvvise, melodie inafferrabili. "ONDA" Ŕ un album curioso, sorprendente e sicuramente originale. Se siete in cerca di qualcosa di atipico non perdetelo. Forse un po' troppo "metal" per i puristi del post rock, ma se vi fate questi problemi non dovreste essere da queste parti.

[Dale P.]

Canzoni significative: Event Horizon, Small Consolation.


Questa recensione Ú stata letta 563 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Don Caballero - What Burns Never ReturnsDon Caballero
What Burns Never Returns
Nadja - AutopergameneNadja
Autopergamene
Sigur Ros - Me­ Su­ I Eyrum Vi­ Spilum EndalaustSigur Ros
Me­ Su­ I Eyrum Vi­ Spilum Endalaust
LL'Altra
In The Afternoon
65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics
Slint - SpiderlandSlint
Spiderland
Fuck Buttons - Street HorrrsingFuck Buttons
Street Horrrsing
Yuppie Flu - Days Before The DayYuppie Flu
Days Before The Day
Grails - Black Tar Prophecies VolGrails
Black Tar Prophecies Vol's 1,2, & 3