Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Things We Lost In The Fire - Low (Kranky)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Low - Things We Lost In The Fire
Voto:
Anno: 2001
Produzione:
Genere: rock / post-rock / indie
Scheda autore: Low



Ci sono cose che quando le perdiamo ce le dimentichiamo completamente. Ma che dopo mesi o anni ritornano nella nostra memoria lasciandoci un senso di amarezza. Altre che fortunatamente non perdiamo mai e che ci accompagnano per tutta la nostra vita. I Low prima di questa prova non li conoscevo quasi per niente. Ne avevo sentito parlare benissimo dalle riviste specializzate ma non mi avevano mai ispirato abbastanza. Mi ero sbagliato. Questo "Things We Lost In The Fire" č una di quelle cose che non ci abbandoneranno pių nella vita. E se per caso "lo perdessimo nel fuoco" possiamo sempre ricomprarlo. I Low non li avevo mai considerati in quanto esponenti di punta del cosidetto Slowcore, ovvero canzoni lente, ma lente ma, in teoria, suggestive. Nella maggior parte dei casi che mi sono capitati, slowcore voleva dire noia. Con i Low vuol dire pelle d'oca, senso di oppressione, paura, solitudine. Come potevano trasmettervi i Joy Division se non di pių. E' difficile da spiegare a parole ma vi assicuro che se non sapete di cosa sto parlando sicuramente sarete sorpresi e non poco. Non c'č una traccia da segnalare in particolare. Tutto il disco č un intensissimo magma di tristezza e lentezza. Affascinante. Per certi versi insuperabile. Per ora questo č IL disco del 2001.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 4280 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Low - The Great DestroyerLow
The Great Destroyer
Low - TrustLow
Trust

NEWS


19/02/2007 In Italia A Maggio

tAXI dRIVER consiglia

Grails - Black Tar Prophecies VolGrails
Black Tar Prophecies Vol's 1,2, & 3
*Shels - Plains Of The Purple Buffalo*Shels
Plains Of The Purple Buffalo
Slint - SpiderlandSlint
Spiderland
 Cods
Sperochettųstia
Sigur Ros - Hvarf/HeimSigur Ros
Hvarf/Heim
Nadja - AutopergameneNadja
Autopergamene
Red Sparowes - Every Red Heart Shines Toward the Red SunRed Sparowes
Every Red Heart Shines Toward the Red Sun
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics
Vanessa Van Basten - Vanessa Van BastenVanessa Van Basten
Vanessa Van Basten
65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math