Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner [ post-metal ] post-hardcore metal grunge rock alternative

Mare EP - Mare (Hydrahead)


Mare - Mare EP
post-metal / psych /

Voto:
Voto utenti (236):

Etichetta: Hydrahead
Produzione:
Anno: 2004

Scheda autore: Mare



Un nome che a noi italiani fa pensare tutto tranne che all'hardcore e al doom. Eppure è quello che propongono questi tre ragazzi canadesi all'esordio su Hydrahead capace fin da subito di inserirsi fra le migliori uscite della label.

Il disco inizia con pochi accordi puliti e, se non avessi letto il marchio Hydrahead, avrei potuto aspettarmi una band di indie-post-rock. L'impressione dura pochi secondi. Scarica di doppio pedale e riffone mammuth ultra-mega-distorto. In meno di un secondo si stanno frullando Neurosis, Isis e Melvins. Urla disperate su una batteria in primo piano che non smette un attimo di muoversi pur suonando a pochi bpm. A metà canzone è come se entrassero i Deftones (vi giuro) ma nel giro di dieci secondi vengono presi a calci nel culo e i Neurosis riportano il brano nella carreggiata doom-disperata.

Ok, avete capito di trovarvi di fronte una band fantastica ma avete già capito come suona?? Niente di più sbagliato.

"They Sent You", secondo brano dell'EP e traino dell'album sul sito dell'etichetta con MP3 gratuito, parte con voce angelica che finisce su un riff che non può non indurvi all'head-banging. Al terzo minuto inizia il viaggio verso il finale. Il riff rallenta rallenta rallenta ma sembra non finire mai. Cresce il rumore. All'apice si asciuga tutto e rimane una nota, ripetuta. Da sola. Poi un mammuth (potete sentirne pure il verso!!) che esce dallo stereo e ti travolge. Altro crescendo rumoroso. 3 accordi puliti stupidissimi (ma bellissimi) e il brano finisce.

"Tropics" ha i bassi tipici di gente come Earth e Sunn O))). Ma alla voce sembra di sentire Maynard James Keenan. Prima sembrano i Tool, ma con una batteria jazz e con basso e chitarra in secondo piano a creare un'atmosfera malata. Il brano si contorce fino a scaturire in "Palaces". Nel brano in questione il singer distrugge 20 anni di urlatori. E' incredibile la disperazione che trasmettono le sue urla demoniache. Poi una serie di arpeggi post-rock che si concludono in un vortice di batteria e rumore. Pausa. Un accordo di chitarra pulita e si riprende con le urla e la potenza che continuano fino al finale del disco: di nuovo la voce angelica di "They Sent You" che si trasforma in disperazione e promette vendetta iniziando a gridare maleficamente sopra ad un doom/noise di rara intensità. Il disco finisce. E noi siamo stati divorati dai Mare.

3 ragazzotti canadesi che con gli strumenti in mano diventano un mostro affamato di morte.

Siamo di fronte ad un piccolo miracolo: una band che è riuscita ad evolvere in maniera personale i suoni più potenti degli ultimi 15 anni. Neurosis, Melvins, Isis, Tool sono stati triturati e migliorati.

Certamente valutare così una band con solo 5 canzoni all'attivo è quasi spregiudicato ma, anche voi, dopo aver ascoltato il disco in questione, sarete della mia stessa idea.

[Maso]

Canzoni significative: tutte.

Vota Questo Disco:
Condividi


Questa recensione é stata letta 6767 volte!



NEWS


01/06/2009 Show di Reunion
08/02/2007 Sciolti

tAXI dRIVER consiglia

Pelican - The March Into The Sea EPPelican
The March Into The Sea EP
Neurosis - The Eye Of Every StormNeurosis
The Eye Of Every Storm
Mare - Mare EPMare
Mare EP
Battle Of Mice - A Day Of NightsBattle Of Mice
A Day Of Nights
Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP