Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

And Then We Met Impero EP - Meganoidi (Green Fog)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Meganoidi - And Then We Met Impero EP
Voto:
Etichetta: Green Fog
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / alternative /
Scheda autore: Meganoidi



Che i pił grandi detrattori dei Meganoidi sia la band stessa era possibile capirlo gią dal precedente (e bellissimo) "Outside The Loop Stupendo Sensation", disco nel quale distruggevano tutte le idee che il pubblico si era fatto su di loro.

Il salto che c'era tra l'esordio e il successivo non č niente rispetto al salto che si avverte con questo EP.

5 brani per 25 minuti. Chitarre alla Shellac, emotivitą e pompositą Pink Floydiana, hardcore di scuola italiana anni 80, atmosfera paesaggistica post-rock che crea un ponte tra Slint e Godspeed You!Black Emperor. I casi sono due: o mi hanno passato il CD di un altra band o i nostri sono impazziti.

Non c'č niente che possa ricordare la band di "Supereroi" (e meno male) ma nemmeno quella di "The Penguin Vs Putrid Powell" ("Zeta Reticoli era un (capo)lavoro a parte). Abbandonata ogni concessione melodica ma anche di normale struttura di canzone "rock" i nostri creano 5 brani come un unico flusso sonoro in cui convergono potenza e atmosfera isolandosi con sč stessi, unico luogo in cui la band są di non dover accettare compromessi (cosa che dal vivo li sfido a fare con i teenager vocianti che richiederanno a gran voce i vecchi classici, appartenenti in tutto e per tutto ad un altra band omonima!).

Grandissimo lavoro uscito in una nazione che lo bollerą con il termine di "estremo". In questa sede, invece, premiamo le band che cambiano in meglio e che mettono in prioritą qualitą e ricerca anzichč le stupide logiche del mercato.

[Dale P.]

Canzoni significative: And, Then, We, Meet, Impero.

Questa recensione é stata letta 4673 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Meganoidi - Al Posto Del FuocoMeganoidi
Al Posto Del Fuoco
Meganoidi - GranvanoeliMeganoidi
Granvanoeli
Meganoidi - Outside The Loop Stupendo SensationMeganoidi
Outside The Loop Stupendo Sensation

Live Reports

07/06/2003Nizza MonferratoTora Tora! 2003
27/06/2001GenovaGoa Boa 2001
25/06/2004GenovaCaricamento
27/07/2007GenovaGreen Storm Festival 2007

NEWS


22/02/2006 Il Nuovo Album
24/04/2005 Il Nuovo EP!!
08/02/2005 News E Brano Inedito Online

tAXI dRIVER consiglia

White Stripes - White Blood CellsWhite Stripes
White Blood Cells
Jasminshock - 2monkeys Fighting For A BananaJasminshock
2monkeys Fighting For A Banana
Dredg - Catch Without ArmsDredg
Catch Without Arms
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Danko Jones - We Sweat BloodDanko Jones
We Sweat Blood
AA.VV. - Judgment NightAA.VV.
Judgment Night
Raconteurs, The - Broken Boy SoldierRaconteurs, The
Broken Boy Soldier
White Stripes - ElephantWhite Stripes
Elephant
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
Afghan Whigs - Unbreakable A RetrospectiveAfghan Whigs
Unbreakable A Retrospective