Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore metal [ grunge ] rock alternative

The Lucky Ones - Mudhoney (Sub Pop)


Mudhoney - The Lucky Ones
grunge / rock / garage

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Voto utenti (233):

Etichetta: Sub Pop
Produzione: Tucker Martine
Anno: 2008

Scheda autore: Mudhoney



Basta sentire e dire che i Mudhoney sono dei sopravvissuti!! Ormai abituati a band che durano l'arco di una stagione la carriera dei Mudhoney sembra quella dei reduci, quasi alla stregua dei Rolling Stones. Ma "Superfuzz Bigmuff", il fantastico esordio attualmente ristampato in versione deluxe, è datato 1988. Ovvero vent'anni fa, tanti anni sicuramente ma quando si vivono senza compromessi (o comunque pochi), con la grinta dei ragazzini ma con la lucidità dei saggi contano realmente poco. Certo, in mezzo abbiamo 7 album mai sotto la sufficienza (per il sottoscritto che è un grande fan sono tutti più che ottimi), tutti sotto il segno di un personale rock garage post-Stooges ultra fuzzoso con ritornelli killer e un attitudina che più cazzona non si può.

In questi anni hanno vissuto ai margini tanti trend, tante new sensations, sono stati insultati e dimenticati e ora, finalmente, glorificati. Bastava vedere come l'Inghilterra ha accolto l'unico show di quest'anno, con articoli e monografie nelle riviste, con libri e pubblicazioni sul grunge rispolverate e messe negli scaffali. Il grunge è tornato di moda? Per fortuna no ma i Mudhoney, finalmente, conquistano lo scettro che tanti anni fa gli era stato tolto dai Nirvana. Sono loro i re, loro lo hanno inventato e solo loro lo possono suonare.

Il loro stile rimane unico anche in questo "The Lucky Ones", suonando praticamente uguale al precedente (ma c'è bisogno di una critica seria al suono della band???) e ricco di ottimi brani divertenti e scanzonati. La carica è sempre la stessa, mentre il songwriting è quello che la band ci ha abituato negli ultimi tre album: molto mestiere e ingredienti mescolati con grande furbizia ci consente di ascoltare la stessa canzone quasi una dozzina di volte senza accorgercene.

Non abbiamo più anthem mitici spalmati per tutto l'album (come succedeva fino a "My Brother The Cow") ma ottime canzoni: come è normale aspettarsi da una band come loro.

[Maso]

Canzoni significative: Tales Of Terror, I'm Now, The Lucky Ones.

Vota Questo Disco:
Condividi


Questa recensione é stata letta 2898 volte!


Ascolta Il Disco




Altre Recensioni

Mudhoney - Every Good Boy Deserve FudgeMudhoney
Every Good Boy Deserve Fudge
Mudhoney - MudhoneyMudhoney
Mudhoney
Mudhoney - My Brother The CowMudhoney
My Brother The Cow
Mudhoney - Piece Of CakeMudhoney
Piece Of Cake
Mudhoney - Since WeMudhoney
Since We've Become Translucent

Live Reports

19/05/2006MilanoRainbow
31/07/2008LondraForum

NEWS


09/01/2012 Tre Date In Italia
20/10/2011 Video di I'm Now
31/01/2006 News su "Under a Billion Suns"
29/11/2005 In Italia!!
13/11/2005 Nuovo Disco

tAXI dRIVER consiglia

Pearl Jam - TenPearl Jam
Ten
Hole - Live Through ThisHole
Live Through This
Nirvana - Unplugged In New YorkNirvana
Unplugged In New York
Soundgarden - SuperunknownSoundgarden
Superunknown
Alice In Chains - SAP EPAlice In Chains
SAP EP