Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Richard Dawson - & Circle - Henki (Domino)

Ultime recensioni

Stew - TasteStew
Taste
Fu Manchu - A Look Back Dogtown & Z-BoysFu Manchu
A Look Back Dogtown & Z-Boys
AA.VV. - Ô - A Tribute To Ô PaonAA.VV.
Ô - A Tribute To Ô Paon
Endless Boogie - AdmonitionsEndless Boogie
Admonitions
Cerce - Cowboy MusicCerce
Cowboy Music
Sugar Horse - The Live Long AfterSugar Horse
The Live Long After
Bad Waitress - No TasteBad Waitress
No Taste
Midwife - LuminolMidwife
Luminol
Nolan Potter - Music Is DeadNolan Potter
Music Is Dead
Illuminati Hotties - Let Me Do One More TimeIlluminati Hotties
Let Me Do One More Time
A.A. Williams - Arco EPA.A. Williams
Arco EP
Failure - Wild Type DroidFailure
Wild Type Droid
King Buffalo - AcheronKing Buffalo
Acheron
Papangu - HolocenoPapangu
Holoceno
Moin - Moot!Moin
Moot!
Kulk - We Spare NothingKulk
We Spare Nothing
Kaatayra - InpariquipêKaatayra
Inpariquipê
Indigo Raven - Looking for TranscendenceIndigo Raven
Looking for Transcendence
Elder - & Kadavar - EldovarElder
& Kadavar - Eldovar
Pan Daijing - JadePan Daijing
Jade

Richard Dawson - & Circle - Henki
Titolo: & Circle - Henki
Etichetta: Domino
Anno: 2021
Produzione: Antti Uusimäki
Genere: rock / folk / psych

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Non avevo mai approfondito la conoscenza di Richard Dawson, strampalato cantautore di Newcastle upon Tyne. E probabilmente ho fatto male: il suo approccio freak è originale e ricco di spunti interessanti. Questa collaborazione con i finlandesi Circle inizia pre pandemia e poi si è pian pianino sviluppata con demo, scambi e infine una vera e propria registrazione collettiva.

I Circle sono una band che dal 1991 ad oggi ha pubblicato una cinquantina di album senza appartenere ad un genere definito: hard rock, metal, psichedelia, kraut rock sono i canovacci principali ma è impossibile trovare un disco uguale all'altro.

E, ovviamente, non fa eccezione questa collaborazione, slegata musicalmente dal background musicale di entrambi e quindi perfettamente inserito nella loro variegata discografia. Di cosa tratta "Henki"? Tematicamente parlando di piante rare e di storie legate ad esse. Musicalmente siamo dalle parti dell'art-folk acido, screziato con il kraut e con l'hard rock.

A fare da padrone è la vocalità straripante di Richard che passa senza vergogna da una tonalità all'altra senza disdegnare falsetti estremi. Vocalità che potrebbe essere uno scoglio per l'ascoltatore in cerca di qualcosa di più regolare ma che dona particolarità e originalità e soprattutto linee vocali "epiche" che mi hanno ricordato il pomp rock di Chris De Burgh o di Meat Loaf. Ma, ad onor del vero, sebbene siamo totalmente immersi negli anni 70 più stravaganti (Comus su tutti) l'approccio non è tanto lontano da quello dei Motorpsycho più freakettoni.

Non il disco imperdibile da mostrare con fierezza nelle liste di fine anno ma più verosimilmente il regalo ideale per sorprendere lo zio o il papà amante degli anni 70.

[Dale P.]

Canzoni significative: Ivy, Silphium.


Questa recensione é stata letta 84 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine
Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower