´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

The Wake - Scott Kelly (Neurot)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Scott Kelly - The Wake
Voto:
Etichetta: Neurot
Anno: 2008
Produzione:
Genere: rock / folk /


Compra Scott Kelly su Taxi Driver Store


A sette anni dal suo debutto in solitario torna con un nuovo full-length Scott Kelly dei Neurosis. Parecchio tempo Ŕ passato da "Spirit Bound Flesh" ma quasi nulla nello stile del nostro Ŕ mutato: la formula Ŕ sempre la stessa con voce solista supportata dalla sola chitarra acustica. Ci si pu˛ facilmente immaginare lo scarnificato impianto d'arrangiamenti, lo striminzito raggio d'azione nelle strutture e la profonda omogeneitÓ di un lavoro dal flusso narrativo parecchio lento. Quasi mezz'ora che a momenti pare non finire mai, dove la varietÓ Ŕ praticamente assente ed Ŕ forte anche la mancanza di melodie che colpiscano. Il soliloquio di Kelly si risolve in un pastorale songwriting folk poco ispirato in cui non ci si imbatte in nessun picco emotivo degno di nota e che ha perso gran parte della verve blues dell'esordio. Anche la performance vocale pare poco appassionata, in certi frangenti abbozzata e spoglia del pathos necessario. Solo "Saturn's Eye" smuove un tantino le acque con un motivo strumentale pi¨ deciso a farsi largo. A differenza del suo collega Steve Von Till, Scott Kelly dimostra una caratura inferiore nel suo progetto solista publicando un albo meno convincente del giÓ non eccezionale "Spirit Bound Flesh". In questo ambito, come pu˛ ad esempio testimoniare il meraviglioso ultimo disco di Vic Chesnutt, c'Ŕ decisamente di meglio.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Saturn's Eye; The Ladder In My Blood.


Questa recensione Ú stata letta 3120 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


05/06/2011 Al Lavoro Sul Nuovo Disco
10/09/2010 A Febbraio In Italia

tAXI dRIVER consiglia

Johnny Cash - The Man Comes AroundJohnny Cash
The Man Comes Around
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs
Southern Isolation - Southern IsolationSouthern Isolation
Southern Isolation
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine
Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill