´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Scott Kelly - The Wake (Neurot)

Ultime recensioni

Afsky - Om hundrede ňrAfsky
Om hundrede ňr
Acid King - Beyond VisionAcid King
Beyond Vision
Screaming Females - Desire PathwayScreaming Females
Desire Pathway
Oozing Wound - Cathers The CowardOozing Wound
Cathers The Coward
Returning - SeverenceReturning
Severence
Sandrider - EnveletrationSandrider
Enveletration
Big Brave - Nature MorteBig Brave
Nature Morte
Eunoia - Psyop of the YearEunoia
Psyop of the Year
Ciemra - The Tread Of DarknessCiemra
The Tread Of Darkness
Sisteria - Dark MatterSisteria
Dark Matter
... And Oceans - As In Gardens, So In Tombs... And Oceans
As In Gardens, So In Tombs
Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade

Scott Kelly - The Wake
Titolo: The Wake
Etichetta: Neurot
Anno: 2008
Produzione:
Genere: rock / folk /

Voto:


Compra Scott Kelly su Taxi Driver Store


A sette anni dal suo debutto in solitario torna con un nuovo full-length Scott Kelly dei Neurosis. Parecchio tempo Ŕ passato da "Spirit Bound Flesh" ma quasi nulla nello stile del nostro Ŕ mutato: la formula Ŕ sempre la stessa con voce solista supportata dalla sola chitarra acustica. Ci si pu˛ facilmente immaginare lo scarnificato impianto d'arrangiamenti, lo striminzito raggio d'azione nelle strutture e la profonda omogeneitÓ di un lavoro dal flusso narrativo parecchio lento. Quasi mezz'ora che a momenti pare non finire mai, dove la varietÓ Ŕ praticamente assente ed Ŕ forte anche la mancanza di melodie che colpiscano. Il soliloquio di Kelly si risolve in un pastorale songwriting folk poco ispirato in cui non ci si imbatte in nessun picco emotivo degno di nota e che ha perso gran parte della verve blues dell'esordio. Anche la performance vocale pare poco appassionata, in certi frangenti abbozzata e spoglia del pathos necessario. Solo "Saturn's Eye" smuove un tantino le acque con un motivo strumentale pi¨ deciso a farsi largo. A differenza del suo collega Steve Von Till, Scott Kelly dimostra una caratura inferiore nel suo progetto solista publicando un albo meno convincente del giÓ non eccezionale "Spirit Bound Flesh". In questo ambito, come pu˛ ad esempio testimoniare il meraviglioso ultimo disco di Vic Chesnutt, c'Ŕ decisamente di meglio.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Saturn's Eye; The Ladder In My Blood.


Questa recensione Ú stata letta 3329 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


05/06/2011 Al Lavoro Sul Nuovo Disco
10/09/2010 A Febbraio In Italia

tAXI dRIVER consiglia

Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Johnny Cash - The Man Comes AroundJohnny Cash
The Man Comes Around
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine
Southern Isolation - Southern IsolationSouthern Isolation
Southern Isolation
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower