´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

The Wake - Scott Kelly (Neurot)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Scott Kelly - The Wake
Voto:
Etichetta: Neurot
Anno: 2008
Produzione:
Genere: rock / folk /


Compra Scott Kelly su Taxi Driver Store


A sette anni dal suo debutto in solitario torna con un nuovo full-length Scott Kelly dei Neurosis. Parecchio tempo Ŕ passato da "Spirit Bound Flesh" ma quasi nulla nello stile del nostro Ŕ mutato: la formula Ŕ sempre la stessa con voce solista supportata dalla sola chitarra acustica. Ci si pu˛ facilmente immaginare lo scarnificato impianto d'arrangiamenti, lo striminzito raggio d'azione nelle strutture e la profonda omogeneitÓ di un lavoro dal flusso narrativo parecchio lento. Quasi mezz'ora che a momenti pare non finire mai, dove la varietÓ Ŕ praticamente assente ed Ŕ forte anche la mancanza di melodie che colpiscano. Il soliloquio di Kelly si risolve in un pastorale songwriting folk poco ispirato in cui non ci si imbatte in nessun picco emotivo degno di nota e che ha perso gran parte della verve blues dell'esordio. Anche la performance vocale pare poco appassionata, in certi frangenti abbozzata e spoglia del pathos necessario. Solo "Saturn's Eye" smuove un tantino le acque con un motivo strumentale pi¨ deciso a farsi largo. A differenza del suo collega Steve Von Till, Scott Kelly dimostra una caratura inferiore nel suo progetto solista publicando un albo meno convincente del giÓ non eccezionale "Spirit Bound Flesh". In questo ambito, come pu˛ ad esempio testimoniare il meraviglioso ultimo disco di Vic Chesnutt, c'Ŕ decisamente di meglio.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Saturn's Eye; The Ladder In My Blood.


Questa recensione Ú stata letta 3147 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


05/06/2011 Al Lavoro Sul Nuovo Disco
10/09/2010 A Febbraio In Italia

tAXI dRIVER consiglia

Johnny Cash - The Man Comes AroundJohnny Cash
The Man Comes Around
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs
Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine