Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

The Name Of The Snake - Souvenir's Young America (Init)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Souvenir's Young America - The Name Of The Snake
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2010
Produzione: John Morand
Genere: rock / post-rock / psych



Applicare ai Souvenir's Young America l'etichetta di band post-rock (nomenclatura che, diciamocelo apertamente, nel 2010 non vale piu' nulla), equivale a considerare e mettere in primo piano una sola delle sfumature stilistiche che si rintracciano nella loro musica, riducendo ai minimi termini tutte le altre. E' d'altra parte vero che il substrato dei SYA ha un etimo squisitamente post-rock e non solo perche' la loro e' materia interamente strumentale. Certi giri di chitarra, le stesse strutture a climax e anti-climax corrispondono al canone del genere, ma il trio-quintetto di Richmond ne supera i confini. Le loro composizioni sono secche come la sabbia del deserto, si sente il sole bruciare la pelle soprattutto quando si affaccia una solitaria armonica. E' evidente anche il debito che i nostri pagano al progressive e allo stoner in prossimita' delle aperture piu' muscolari, ma la verita' e' che i Souvenir's Young America sono piu' di un semplice elenco di influenze.

Nei loro brani pulsano differenti stati d'animo che vanno dalla quiete estatica al nodo malinconico, da un estremo ad un altro e l'eccelsa "Vanishing" e' il compendio di questa bipolarita' costantemente ricoperta da una patina di oscurita'.

Rispetto a "An Ocean Without Water" di tre anni fa i nostri hanno ridimensionato la loro vena psichedelica, sono meno acidi e per certi versi anche meno visionari, ma quel che piu' conta in questa sede e' notare come abbiano definito lo stile, come abbiano smussato la base per dare una fisionomia riconoscibile al loro volto sonoro.

Solo quattro nuove tracce per una scarsa mezz'ora, queste possono bastare per far breccia.

P.S.: la versione cd contiene tre bonus-tracks, precedentemente incluse nel 12" Ep "September Songs". Dal taglio piu' ambient e sperimentale, sono la rielaborazione dei temi melodici di "Invocation In Caldera" (contenuta in "An Ocean Without Water") e "Amnesia", inclusa in questo nuovo lavoro.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Vanishing; Amnesia.


Questa recensione é stata letta 2041 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

SouvenirSouvenir's Young America
An Ocean Without Water

tAXI dRIVER consiglia

Don Caballero - What Burns Never ReturnsDon Caballero
What Burns Never Returns
Red Sparowes - At The Soundless DawnRed Sparowes
At The Soundless Dawn
Giardini Di Mirò - Rise And Fall Of Academic DriftingGiardini Di Mirò
Rise And Fall Of Academic Drifting
Slint - SpiderlandSlint
Spiderland
 Madrigali Magri
L'Avaro
Ronin - RoninRonin
Ronin
Sigur Ros - Hvarf/HeimSigur Ros
Hvarf/Heim
Low - Things We Lost In The FireLow
Things We Lost In The Fire
Brutus - NestBrutus
Nest
65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math