´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Valerian Swing - A Sailor Lost Around The Earth (Antistar)

Ultime recensioni

Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade
Dead Cross - IIDead Cross
II
Just Mustard - Heart UnderJust Mustard
Heart Under
Otoboke Beaver - Super ChamponOtoboke Beaver
Super Champon
Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve CenterCaustic Casanova
Glass Enclosed Nerve Center
The Lovecraft Sextet - MiserereThe Lovecraft Sextet
Miserere
Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut

Valerian Swing - A Sailor Lost Around The Earth
Titolo: A Sailor Lost Around The Earth
Anno: 2011
Produzione: Matt Bayles
Genere: metal / post-metal / post-rock

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




A piccoli grandi passi i Valerian Swing, da Correggio, cercano di dire la loro in un ambiente che in Italia stenta a trovare visibilita' e pubblico.

Con questo "A Sailor Lost Around The Earth" la band emiliana dimostra di voler fare le cose in grande: prodotto da Matt Bayles (Isis, Mastodon) al Red Room Studio di Seattle, fin dalle prime note non tradisce la volonta' di lasciare un segno nella scena hardcore/progressive. I primi secondi del disco (Dr Pengle, s There) ricorda l'approccio jazz destrutturato dei compianti Ephel Duath, ma dopo pochi attimi e' chiaro che la ricetta ha decisamente un altro sapore: momenti riflessivi post-rock (o post-metal contando l'irruenza generale), scariche strumentali decisamente poco muscolari (ovvero niente fastidiosi chitarroni ipercompressi) ma capaci di stordire per varieta' e funambolismo. Lasciano perplessi i rari momenti cantati: troppo "emo" e poco incisivi, ma essendo pochi sprazzi qua e la non danneggiano il risultato finale.

Se vogliamo trovare un difetto, in una formula che in realta' va supportata anche solo per l'impegno di non suonare mai banale, e' l'eccessiva volonta' di stupire sacrificando la forma canzone, facendo perdere la volonta' iniziale di tuffarsi in un piatto piuttosto variegato capace di ospitare sia riff da headbanging che momenti introspettivi piuttosto contorti.

"A Sailor Lost Around The Earth" e' un disco che piacera' agli amanti di Dillinger Escape Plan, Giant Squid, Mr Bungle e coloro che si sentono orfani degli Ephel Duath e ci consegna una band assolutamente da seguire in futuro.

Piccola aggiunta sul valore live : assolutamente di alto livello e capace di lasciare i presenti a bocca aperta. Non perdeteli soprattutto in questa veste!

[Dale P.]

Canzoni significative: A Sea In Your Divine Fast, Pleng.

Questa recensione Ú stata letta 3155 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


10/09/2014 Teaser di Aurora
27/07/2011 Video Nella Foresta Norvegese

tAXI dRIVER consiglia

Zu - CarboniferousZu
Carboniferous
Pelican - The Fire In Our Throats Wil Beckon The ThawPelican
The Fire In Our Throats Wil Beckon The Thaw
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
A Storm Of Light - As The Valley Of DeathA Storm Of Light
As The Valley Of Death
Isis - OceanicIsis
Oceanic
Isis - PanopticonIsis
Panopticon
Neurosis - A Sun That Never SetsNeurosis
A Sun That Never Sets
Vanessa Van Basten - Psygnosis EPVanessa Van Basten
Psygnosis EP
Vanessa Van Basten - La Stanza Di SwedenborgVanessa Van Basten
La Stanza Di Swedenborg
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum