´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

A Sailor Lost Around The Earth - Valerian Swing (Antistar)

Ultime recensioni

Appalooza - The Holy Of HoliesAppalooza
The Holy Of Holies
Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennan÷h - Longing for BelongingZola Mennan÷h
Longing for Belonging
Molassess - Through The HollowMolassess
Through The Hollow

Valerian Swing - A Sailor Lost Around The Earth
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: Matt Bayles
Genere: metal / post-metal / post-rock



A piccoli grandi passi i Valerian Swing, da Correggio, cercano di dire la loro in un ambiente che in Italia stenta a trovare visibilita' e pubblico.

Con questo "A Sailor Lost Around The Earth" la band emiliana dimostra di voler fare le cose in grande: prodotto da Matt Bayles (Isis, Mastodon) al Red Room Studio di Seattle, fin dalle prime note non tradisce la volonta' di lasciare un segno nella scena hardcore/progressive. I primi secondi del disco (Dr Pengle, s There) ricorda l'approccio jazz destrutturato dei compianti Ephel Duath, ma dopo pochi attimi e' chiaro che la ricetta ha decisamente un altro sapore: momenti riflessivi post-rock (o post-metal contando l'irruenza generale), scariche strumentali decisamente poco muscolari (ovvero niente fastidiosi chitarroni ipercompressi) ma capaci di stordire per varieta' e funambolismo. Lasciano perplessi i rari momenti cantati: troppo "emo" e poco incisivi, ma essendo pochi sprazzi qua e la non danneggiano il risultato finale.

Se vogliamo trovare un difetto, in una formula che in realta' va supportata anche solo per l'impegno di non suonare mai banale, e' l'eccessiva volonta' di stupire sacrificando la forma canzone, facendo perdere la volonta' iniziale di tuffarsi in un piatto piuttosto variegato capace di ospitare sia riff da headbanging che momenti introspettivi piuttosto contorti.

"A Sailor Lost Around The Earth" e' un disco che piacera' agli amanti di Dillinger Escape Plan, Giant Squid, Mr Bungle e coloro che si sentono orfani degli Ephel Duath e ci consegna una band assolutamente da seguire in futuro.

Piccola aggiunta sul valore live : assolutamente di alto livello e capace di lasciare i presenti a bocca aperta. Non perdeteli soprattutto in questa veste!

[Dale P.]

Canzoni significative: A Sea In Your Divine Fast, Pleng.

Questa recensione Ú stata letta 3004 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


10/09/2014 Teaser di Aurora
27/07/2011 Video Nella Foresta Norvegese

tAXI dRIVER consiglia

Celeste - Mortes NeesCeleste
Mortes Nees
Isis - OceanicIsis
Oceanic
Ocean, The - PrecambrianOcean, The
Precambrian
Jesu - JesuJesu
Jesu
Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice
Dead To A Dying World - ElegyDead To A Dying World
Elegy
Battle Of Mice - A Day Of NightsBattle Of Mice
A Day Of Nights
Neurosis - The Eye Of Every StormNeurosis
The Eye Of Every Storm
Solstafir - Svartir SandarSolstafir
Svartir Sandar
Mare - Mare EPMare
Mare EP