Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Idles - Crawler (Partisan)

Ultime recensioni

Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing

Idles - Crawler
Autore: Idles
Titolo: Crawler
Etichetta: Partisan
Anno: 2021
Produzione: Kenny Beats
Genere: rock / post-punk / alternative

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Crawler





"Are you ready for the storm?" declama Joe Talbot con un vocione da Mark Lanegan all'inizio di "Crawler". "Can I get a hallelujah?" si domanda mentre la band lancia bordoni di chitarre ribassate in "The Wheel". Nel quarto disco degli Idles ci sono meno risposte e più domande e questo è un bene. La sicumera di Ultra Mono è stata abbandonata in favore di un tormento più umano. E a guadagnarne è anche la musica: mai così ben prodotta e studiata, merito del lavoro dietro alla console del Real World Studios ad opera di Kenny Beats (FKA Twigs, Denzel Curry, GhosteMane, Vince Staples) in collaborazione con il chitarrista Mark Bowen.

"Crawler" ha varie anime, ma poche ricordano dischi come "Brutalism" e "Joy". C'è sicuramente un'anima più cupa e dark (a tratti sembra di aver messo su un disco dei Fontaines D.C.: ascoltate "When The Lights Come On"); addirittura la divagazione soul-noise di "The Beachland Ballroom" con Joe che declama sudato "I'm not praying, baby, I'm not begging, darling..." sembra più vicino a Charles Bradley che a David Yow. "Meds" con il suo basso dritto e distorto in primo piano farà da supporto per i consueti svarioni psichedelici dal vivo. "Wizz" è una scheggia hardcore di trenta secondi. Ma nei 46 minuti del disco c'è tanta fantasia usata per scrivere ottime canzoni e per dire cose interessanti.

Per quanto mi riguarda gli Idles sono una delle band più importanti di questi anni sia per la proposta messa sul piatto sia per la capacità di proporre al pubblico qualcosa di dinamico e sorprendente, senza viziarlo con brani banali e ripetitivi. Mi ricordano la prima fase di carriera dei Pearl Jam in cui ogni disco era una sorpresa da sviscerare per mesi e mesi. Per certi versi questo è il loro Vitalogy.

[Dale P.]

Canzoni significative: Sciorpion's Sting, Coil.

Questa recensione é stata letta 719 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Idles - A Beautiful Thing Idles Live At Le BataclanIdles
A Beautiful Thing Idles Live At Le Bataclan
Idles - Ultra MonoIdles
Ultra Mono

tAXI dRIVER consiglia

Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Idles - Ultra MonoIdles
Ultra Mono
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Rosegarden Funeral Party - MartyrRosegarden Funeral Party
Martyr
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
DITZ - The Great RegressionDITZ
The Great Regression
Lice - WastelandLice
Wasteland
Geese - ProjectorGeese
Projector