´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Big Special - Postindustrial Hometown Blues (So Recordings)

Ultime recensioni

Sonic Universe - It Is What It IsSonic Universe
It Is What It Is
Orange Goblin - Science Not FictionOrange Goblin
Science Not Fiction
Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will

Big Special - Postindustrial Hometown Blues
Autore: Big Special
Titolo: Postindustrial Hometown Blues
Anno: 2024
Produzione: Michael Clarke
Genere: rock / post-punk / alternative

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Negli anni 90 odiavo quel trend tipicamente inglese che sfornava band su band ogni settimana, spesso non in grado neanche di arrivare al primo disco che erano giÓ passate di moda. Al contrario cerco di non perdermele adesso perchŔ fra tanti cloni di cloni c'Ŕ sempre qualcosa di buono. Bisogna schivare l'hype e i facili entusiasmi e, soprattutto, i criticoni che dicono "eh mai Jesus Lizard", "eh ma i Fall" senza neanche accorgersi che il genere Ŕ andato avanti. E comunque non mi lamenterei di certe influenze.

Ad esempio questi Big Special dovrebbero colpire giÓ al primo posto. Sono in due, Joe Hicklin (voce) e Callum Moloney (batteria) ma immagino suonino un po' tutto. Sebbene l'inizio di "Black Country Gothic" sembrerebbe metterli nel campionato Sleaford Mods Ŕ con il ritornello che ci accorgiamo di avere tra le mani qualcosa di speciale: il cantante ha una gran voce e adora cantare. Finalmente. E' proprio la sua voce a far la differenza e portando il sound della band a spasso per il mondo. Si sentono echi di Rollins Band, Strokes, Bruce Springsteen, Sex Pistols, Idles ma senza risultare dei cloni. Inutile dire che sebbene verso la fine si senta un po' di stanchezza (anche se ci tirano su con un po' di rumorazzi e incazzatura alla Benefits) il disco Ŕ stracolmo di ottime canzoni che valgono pi¨ di un repeat.

Assieme agli English Teacher la sorpresa post-punk del 2024.

[Dale P.]

Canzoni significative: Black Country Gothic, Desperate Breakfast.


Questa recensione Ú stata letta 150 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Rosegarden Funeral Party - MartyrRosegarden Funeral Party
Martyr
Geese - ProjectorGeese
Projector
Squid - Bright Green FieldSquid
Bright Green Field
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Fontaines D.C. - DogrelFontaines D.C.
Dogrel
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Lice - WastelandLice
Wasteland
Trupa Trupa - B Flat ATrupa Trupa
B Flat A
FACS - Present TenseFACS
Present Tense
Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg