Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Crack Cloud - Pain Olympics (Meat Machine)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Crack Cloud - Pain Olympics
Autore: Crack Cloud
Titolo: Pain Olympics
Anno: 2020
Produzione: Crack Cloud
Genere: rock / post-punk / art-rock

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Se devo pensare al suono del 2020 penso al post-punk. Rinato tra le pagine bandcamp e soundcloud ha finalmente visto l'esplosione in ogni angolo, conquistando platee e arrivando in territori fino ad ora inesplorati. Chi avrebbe detto che un genere morto nei primi anni 80 sarebbe tornato così prepotentemente in auge?

Crack Cloud sono canadesi e più che un gruppo è definibile un collettivo visto che oltre alla musica la band ha sviluppato un micro mondo mediatico a sè stante. "Pain Olympics" è il vero e proprio esordio dopo alcuni EP: prende le tipiche atmosfere post-punk oscure e apocalittiche e le innesta con arrangiamenti sbilenchi e scelte azzardate nel vero e proprio spirito "post" del genere. E' la versione meno pulita dei Black Midi: qui le soluzioni sembrano attaccate con lo sputo, lo scotch americano riciclato e la colla Pritt. Ed è quello il bello: questo strambo collage sonoro prende Gang Of Four, Wire, Talking Heads, li accartoccia, li strappa e li mette in un album di figurine di musicisti strambi.

Post-punk? Più post-apocalittico.

[Dale P.]

Canzoni significative: Bastard Basket, Tunnel Vision.

Questa recensione é stata letta 870 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Fontaines D.C. - DogrelFontaines D.C.
Dogrel
Black Country, New Road - Ants From Up ThereBlack Country, New Road
Ants From Up There
DITZ - The Great RegressionDITZ
The Great Regression
FACS - Present TenseFACS
Present Tense
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Rosegarden Funeral Party - MartyrRosegarden Funeral Party
Martyr
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Squid - Bright Green FieldSquid
Bright Green Field
Idles - CrawlerIdles
Crawler