Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

A Frames - Black Forest (Sub Pop)

Ultime recensioni

Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...

A Frames - Black Forest
Autore: A Frames
Titolo: Black Forest
Etichetta: Sub Pop
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / noise / indie

Voto:



Gli A-Frames sono musicisti già attivi negli anni 90 nella scena underground di Seattle ma in questo "Black Forest" sembrano spuntati da un disco noise degli anni 80. "Cavernosi e cacofonici", così li definisce l'enciclopedico AllMusic. Ed effettivamente non esistono termini migliori per descriverli.

La band è esattamente il punto di incontro fra Nirvana, Tad e Big Black, tre nomi non esattamente moderni ma che tutti i fan del primo alternative conoscono molto bene. Bassi distruttivi, chitarre lancinanti, voce soffocata e scazzata, batteria tribale e 14 brani che si distinguono da particolari più che dai riff o dalla voce.

Black Forest è adattissimo a chi mancano etichette rumorose e oltraggiose come la SST, prime Touch&Go e Sub Pop (da cui esce il disco, come a voler testimoniare che il passato non si dimentica) e quelle atmosfere malate e rumorose delle band dei loro cataloghi.

Non diventeranno famosi, magari ce li dimenticheremo nel giro di qualche mese e nessuno se lo porterà mai nell'isola deserta. Ma proprio per la loro natura "loser" ci piacciono tanto.

[Dale P.]

Canzoni significative: Death Train, Galena.

Questa recensione é stata letta 3036 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Tricot - ???Tricot
???
Lillayell - LillayellLillayell
Lillayell
Lucertulas - Tragol De RovaLucertulas
Tragol De Rova
Uncode Duello - Uncode DuelloUncode Duello
Uncode Duello
Orthrelm - OVOrthrelm
OV
Ex Models - Chrome PanthersEx Models
Chrome Panthers
Bellini - Small StonesBellini
Small Stones
Dead Elephant - Sing The Separation EPDead Elephant
Sing The Separation EP
High Confessions, The - Turning Lead Into Gold With The High ConfessionsHigh Confessions, The
Turning Lead Into Gold With The High Confessions
But God Created Woman - BGCWBut God Created Woman
BGCW