Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Lazarus Bird - Burst (Relapse)

Ultime recensioni

Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Slowshine - Living LightSlowshine
Living Light
Unto Others - StrenghtUnto Others
Strenght
Space Afrika - Honest LabourSpace Afrika
Honest Labour
Dead Sara - It AinDead Sara
It Ain't Tragic
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
XX'ed Out
We All Do Wrong
Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Guðnadóttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Guðnadóttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist
Turnstile - Glow OnTurnstile
Glow On

Burst - Lazarus Bird
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2008
Produzione: Fredrik Reinedahl
Genere: metal / post-metal / post-hardcore
Scheda autore: Burst



"Lazarus Bird" dimostra come i Burst siano una band coraggiosa e con il forte intento di evolversi. Già con "Origo" di tre anni fa i cinque svedesi lasciavano vedere che sarebbe seguito un allontanamento dal modus operandi tipico del post-core degli esordi, favorendo una vena progressive che in questo nuovo capitolo ha preso decisamente piede.

Le nuove songs sono più lunghe ed intricate che in passato, comprensive ora di dilatazioni e sospensioni più marcate che, alternandosi con le aperture più metalliche, creano un interessante sistema di pieni e vuoti.

Tenuta a bada l'influenza dei Mastodon nel riffage più impetuoso (anche se l'incipit dell'ottima "I Exterminate The I" viene inevitabilmente dai quattro di Atlanta, così come l'ispirata "Cripple God" e l'altretanto ben fatta "Nineteenhundred"), le atmosfere più decadenti vengono dagli Opeth, già nome che tornava spesso alla mente in "Origo". Complicate quindi le forme e le costruzioni, c'è più spazio per linee vocali pulite che sono l'alter ego dello screaming di Linus Jagerskog, non sempre convincente nella sua performance, questo va detto. Ci sono buone idee in "Lazarus Bird", da qualche parte non sempre sviluppate in maniera eccellente ("Momentum", dopo l'introduzione rarefatta finisce proprio quando sta defintivamente per incendiarsi), ma altrove ben bilanciate tra ricerca armonica ed intelligenti progressioni. "(We Watched) The Silver Rain" è una delle cose migliori mai mostrate dai Burst, dove scorie post-core trovano vie di fuga prog su atmosfere cupe ed un riff reiterato semplice ma decisamente efficace. L'opener "I Hold Vertigo", pur mantenendo un'ottima coerenza testuale, muta forme continuamente grazie anche ad una serie di stacchi e zone di rilascio magistralmente amalgamate con le parti più dure. Di buon effetto anche il finale con "City Cloaked", che va spegnendosi da qualche parte negli strati più alti dell'atmosfera.

I Burst si confermano una delle migliori realtà europee del post-core metallico in evoluzione, capaci di perpetuare quella cupezza gelida tipica dei conterranei e seminali Breach (anche se i risultati sono evidentemente differenti), adesso capaci di delineare uno stile più personale che in passato, finora il più evidente punto debole dei nostri. Vedremo se questo è il passo giusto che li condurrà alla consacrazione, attendendo di vedere cosa combineranno col prossimo albo.

[Marco Giarratana]


Questa recensione é stata letta 3725 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

18/11/2004TorinoSupermarket

NEWS


25/07/2009 Sciolti
02/02/2006 Vinile di Origo e Prey On Life

tAXI dRIVER consiglia

Celeste - Mortes NeesCeleste
Mortes Nees
Vanessa Van Basten - Psygnosis EPVanessa Van Basten
Psygnosis EP
Callisto - True Nature UnfoldCallisto
True Nature Unfold
Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP
Dead To A Dying World - ElegyDead To A Dying World
Elegy
Isis - PanopticonIsis
Panopticon
Valerian Swing - A Sailor Lost Around The EarthValerian Swing
A Sailor Lost Around The Earth
Briqueville - QuelleBriqueville
Quelle
Isis - Live 4 Selections 2001-2005Isis
Live 4 Selections 2001-2005
Vanessa Van Basten - La Stanza Di SwedenborgVanessa Van Basten
La Stanza Di Swedenborg