Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Ciubirismeicheuan - Fiub (Jestrai)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Fiub - Ciubirismeicheuan
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Jestrai
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / alternative / indie
Scheda autore: Fiub



Dopo decine di date in tutta Italia, un brillante EP di esordio Ŕ finalmente l'ora del full lenght. Aggiungerei finalmente dato che assieme alle Love In Elevator, i Fiub sono senza dubbio la band pi¨ interessante del roster Jestrai.

Innanzitutto la formazione: Gabriele Ferreri, chitarra e voce, e Pierangelo Mecca, batteria. Pi¨ vari ospiti sparsi qua e lÓ e alcuni synth a riempire il sound.

Un sound debitore dello stoner e del rock'n'roll. Come far jammare Kyuss e Danko Jones, ma con una vocalitÓ duttile capace di citare sia i Rolling Stones che Jeff Buckley e i Led Zeppelin. Pochi fronzoli: volume a 10, si attacca il jack e si parte con brani semplici ma irresistibli e non banali.

Ovviamente la band suona compatta e vorticosa nel suo coprire i buchi in ogni modo possibile (bravissimo in questo il lavoro del batterista: mantenersi sia semplice che potente pur dovendo restituire un sound pieno). Certo non tutti i brani colpiscono al segno ma quando lo fanno sembra di aver di fronte ad una band in grado di rivaleggiare con le produzioni internazionali, anche "mainstream".

Splendido il brano finale, "Clocks", in cui magicamente compaiono odori Blonde Redhead/Sonic Youth/Cat Power, evidente tributo al background indie maggiormente palesato nell'EP di esordio.

Una band da tenere sott'occhio: da coltivare e veder crescere.

[Dale P.]

Canzoni significative: Slowly Wind, Clocks.


Questa recensione Ú stata letta 3820 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Fiub - Brown StripesFiub
Brown Stripes

tAXI dRIVER consiglia

Danko Jones - We Sweat BloodDanko Jones
We Sweat Blood
Meganoidi - And Then We Met Impero EPMeganoidi
And Then We Met Impero EP
(P)itch - Velluto(P)itch
Velluto
Mudhoney - Since WeMudhoney
Since We've Become Translucent
White Stripes - Get Behind Me SatanWhite Stripes
Get Behind Me Satan
Melissa Auf Der Maur - Auf Der MaurMelissa Auf Der Maur
Auf Der Maur
Amplifier - The OctopusAmplifier
The Octopus
Fantomas - Amenaza Al MundoFantomas
Amenaza Al Mundo
Lingua - All My Rivals Are Imaginary GhostLingua
All My Rivals Are Imaginary Ghost
Black Eyes Snakes, The - Rise Up!Black Eyes Snakes, The
Rise Up!