Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Street Horrrsing - Fuck Buttons (ATP Recordings)

Ultime recensioni

Slowshine - Living LightSlowshine
Living Light
Unto Others - StrenghtUnto Others
Strenght
Space Afrika - Honest LabourSpace Afrika
Honest Labour
Dead Sara - It AinDead Sara
It Ain't Tragic
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
XX'ed Out
We All Do Wrong
Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Guðnadóttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Guðnadóttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist
Turnstile - Glow OnTurnstile
Glow On
Jadsa - Olho de VidroJadsa
Olho de Vidro

Fuck Buttons - Street Horrrsing
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2008
Produzione: John Cummings
Genere: rock / post-rock / elettronica



Per me è come una crociata: chi ascolta solo la musica del suo genere non sa cosa si perde. E' un po' il rischio che commette il recensore (massì parliamoci un po' addosso) quando tende a specializzarsi troppo: ogni mattina controlla la mailing list delle sue 10 label preferite, si fa consigliare band del giro, conosce l'underground a menadito finchè lo scibile è suo ed è in grado di capire se un bambino di 5 anni potrà diventare il nuovo Kurt Ballou fin dalle prime urla. O in base ai compiti delle elementari capire se suonerà mathrock o si limiterà a scimmiottare i Deep Purple.

Tutto ciò danneggia l'ascoltatore ma anche la voglia di sorprendersi e divertirsi, finendo che l'amico finto-innocente ti dica: "ma ascolti sempre la stessa musica?". E ha ragione. Cioè, sai che non ha ragione ma in fondo sì, alle sue orecchie è sempre la stessa cosa, cambiata di un semitono o con l'accento spostato di un sedicesimo. Ma è sempre la stessa cosa.

Poi io adoro i dischi che ti arrivano quando non te li aspetti. Magari la confezione tremenda te li teneva lontani, o il nome proprio non ti ispirava, oppure "ne parlavano bene quelli che non capiscono niente". O proprio non sapevi neanche che esistevano.. allora sei in macchina e stanco dei soliti dischi dell'amico, che sono sempre i soliti dischi che aveva anche tuo padre ma ora non li odi neanche più ma, anzi, ti ritrovi stancamente a cantare senza neanche volerlo, metti la radio. E sopresa, c'è ancora qualcuno con del sale in zucca che ti infila qualcosa che non proviene dalle major o dai grandi distributori. Probabilmente dopo la trasmissione sarà stato pestato a sangue. O avrà ricevuto centinaia di telefonate di elogi. Oppure non è successo niente perchè chi come me stava ascoltando rimaneva semplicemente a bocca aperta. E poi a ridere, di quella gioia che ti prende e dici "ecco, questi hanno capito tutto".

Ah, ovviamente non capisci chi sono, lo speaker pronuncia anche bene ma te sei lì che non ti aspettavi finisse e sei ancora in preda all'eccitazione del momento. Bene: deve essere mio.

Fuck Buttons, duo londinese che con tastierini gelidi fanno tutto quello che ti aspetteresti facesse il sottoscritto. O che tutti noi faremmo se avessimo le palle di farlo.

Riff reiterati all'infinito, rara voce filtrata quasi metal, tribalismo esasperante, rumori lancinanti in uno spettacolare senso di postrock mescolato con il noise. Non è shoegaze. Non è drone. Non sono i Sigur Ròs. E neanche i 65DaysOfStatic. E' tutto questo e niente.

Ma è un disco che dice tante cose.

[Dale P.]

Canzoni significative: Sweet Love For Planet Earth, Ribs Out, Race You To My Bedroom.


Questa recensione é stata letta 2838 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math
Giardini Di Mirò - Rise And Fall Of Academic DriftingGiardini Di Mirò
Rise And Fall Of Academic Drifting
*Shels - Plains Of The Purple Buffalo*Shels
Plains Of The Purple Buffalo
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Jambinai - ONDAJambinai
ONDA
Karate - Cancel/SingKarate
Cancel/Sing
 Madrigali Magri
L'Avaro
Godspeed You Black Emperor - G_dGodspeed You Black Emperor
G_d's Pee AT STATE'S END!
65 Days Of Static - One Time For All Time65 Days Of Static
One Time For All Time
Slint - SpiderlandSlint
Spiderland