Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Giant Sand - Cover Magazine (Thrill Jockey)

Ultime recensioni

Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Gateways to Resplendence - Abhorrent ExpanseGateways to Resplendence
Abhorrent Expanse
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time
Vorlust - Lick The FleshVorlust
Lick The Flesh

Giant Sand - Cover Magazine
Autore: Giant Sand
Titolo: Cover Magazine
Etichetta: Thrill Jockey
Anno: 2002
Produzione:
Genere: rock / folk / pop

Voto:



Sembra che la carriera dei Giant Sand (iniziata nel 1985 con l'esordio "Valley Of Rain") sia al capolinea. Ormai Howe Gelb vive con i suoi dischi solista e cos il resto del gruppo con i Calexico. Ma a sentire i dischi vecchi e soprattutto questo nuovo inevitabile far scendere una lacrimuccia per una delle migliori formazioni americane. Notevolmente influenzati da Neil Young, Lou Reed e Nick Cave i nostri hanno confezionato, nell'arco di quasi vent'anni, una discreta serie di ottimi dischi. E' giunto cos il momento dei saluti e dei doverosi ringraziamenti. E quale metodo migliore per ringraziare se non quello di fare un disco di cover?? Ovvio quindi iniziare con Out Of Weekend di Neil Young (qua in medley con El Paso), che forse grazie a Neil o forse grazie ad Howe rimane il vertice del disco. Notevole anche la rilettura di Johnny Hit And Run Pauline (degli X, of course) in duetto con PJ Harvey. E anche lei ringraziata con Plants And Rags. Strana la cover di Iron Man dei Black Sabbath virata jazz e notevole quella di Red Right Hand di Nick Cave. Un prodotto per fan dei Giant Sand, ovvio, ma bello pensare che tutti lo siano.

[Dale P.]

Canzoni significative: El Paso/Out Of Weekend.

Questa recensione stata letta 2491 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs
Johnny Cash - The Man Comes AroundJohnny Cash
The Man Comes Around
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds