Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Greatest Hits - Guns N'Roses (Geffen)

Ultime recensioni

Kirk Windstein - Dream In MotionKirk Windstein
Dream In Motion
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Calibro 35 - MomentumCalibro 35
Momentum
Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code

Guns N'Roses - Greatest Hits
Voto:
Anno: 2004
Produzione:
Genere: rock / hard /
Scheda autore: Guns N'Roses



In attesa che Axl metta la parola fine a Chinese Democracy (ma chi ha già ascoltato ha parlato di ben poca cosa) e che gli altri sbanchino con i Velvet Revolver (dimenticando i validissimi Snakepits di Slash) la Geffen pubblica (ovviamente senza autorizzazione della band) un greatest hits per sfruttare l'attesa dei fans. Mossa azzeccatissima dato che il CD è al primo posto più o meno in tutto il mondo.

Quello che stupisce è, stranamente, la scelta dei brani. Non ci sono inediti. Cavolo, un'outtake, una versione demo, qualcosa dal vivo potevano anche trovarla. Ma, almeno, lo sfruttamento del fan per fargli spendere 20€ per una canzone inedita non c'è stato.

Rimane quindi un acquisto solamente per coloro che i Guns non li hanno mai ascoltati, che li conoscono perchè un loro amico suona una loro cover in una band o chissà per cos'altro.

Ovviamente vi rimandiamo a rivolgervi ai dischi veri (in particolare a Lies e a Appetite For Destruction veri simboli di un'epoca ormai lontana) per poter apprezzare la band.

La cosa curiosa è la presenza di ben 5 cover sulle 14 canzoni totali. Oltre alla classicissime "Knockin' On Heaven's Door" e "Live And Let Die", troviamo anche "Sympathy For The Devil", "Ain't It Fun" e "Since I Don't Have You". Non serve aggiungere che ovviamente troverete "November Rain", "Don't Cry", "Paradise City", "Welcome To The Jungle" e tutti i classici della band.

Quello che colpisce è l'assoluta modernità di canzoni di più di 15 anni fa. I Guns erano certamente diversi rispetto a tutti i gruppi "Hair Metal" degli anni 80 e non casualmente colpiscono ancora adesso l'immaginario di milioni di ragazzi. Un cantante come Axl è raro a trovarsi ma lo stesso si può dire del carisma del resto della band unica nel modo di porsi: così ignorantemente e genuinamente rock'n'roll.

[Dale P.]

Canzoni Significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 4447 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


22/01/2005 Ci siamo?

tAXI dRIVER consiglia

Ojm - Under The ThunderOjm
Under The Thunder
Gluecifer - Basement ApesGluecifer
Basement Apes
Blue Cheer - Vincebus EruptumBlue Cheer
Vincebus Eruptum
The Lunar Effect -  Calm Before The CalmThe Lunar Effect
Calm Before The Calm
Who, The - WhoWho, The
Who's Next
Graveyard - Hisingen BluesGraveyard
Hisingen Blues
Small Jackets - Play At High LevelSmall Jackets
Play At High Level
Hellacopters - High VisibilityHellacopters
High Visibility
Stew - PeopleStew
People
Blood Ceremony - Living With The AncientsBlood Ceremony
Living With The Ancients