Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Void - Intronaut (Goodfellow)

Ultime recensioni

Kirk Windstein - Dream In MotionKirk Windstein
Dream In Motion
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Calibro 35 - MomentumCalibro 35
Momentum
Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code

Intronaut - Void
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / progressive / sludge
Scheda autore: Intronaut

MP3: Fault Lines


C'è una categoria di band che si trova più a suo agio nel realizzare EP. O, più probabilmente, il tipo di musica suonato consente all'ascoltatore una soglia minima di attenzione.

Ciò spiegherebbe come mai "Void" suoni nell'insieme un filino peggio dell'EP d'esordio "Null". La pesantezza del prodotto è infatti uno scoglio difficilmente sormontabile per i più. E già non possiamo dire di essere in tanti ad aver ascoltato il primo EP.

Intronaut è una stranissima entità composta da membri di Uphil Battle, Exhumed, Impaled e Anubis Rising. Il loro insieme porta la band a suonare come uno stranissimo mix di death/fusion/sludge in cui si mescola la potenza dei Mastodon con il martellamento dei Meshuggah, i break fusion di Cynic/Sadist/Sadus (opera del funambolico e preparatissimo bassista Joe Lester) e la psichedelia di certo postcore (Pelican, Isis).

Una fusione stimolante e non facile, che potrebbe essere una nuova pietra miliare di riferimento oppure una strada impossibile da battere per tutti gli altri. Da un punto di vista "critico" l'esperimento sarebbe da promuovere a pieni voti se non fosse per alcuni giri a vuoto di troppo. La band, infatti, straripa in alcune lungaggini che minano l'ascolto, altrimenti stimolante.

Nell'insieme possiamo considerare gli Intronaut come una band sulla quale scommettere in futuro, a cui manca però quella malizia che solo l'esperienza può dare. Certo che se lavorassero di cesello alla ricerca della perfezione diventerebbero la band definitiva. Forse per questo adesso andiamo cauti: certamente ci sarà un momento in cui il mondo sarà ai loro piedi!

[Dale P.]

Canzoni significative: Nostalgic Echo, Fault Lines, Teledildonics.


Questa recensione é stata letta 4054 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Intronaut - Null EPIntronaut
Null EP

NEWS


01/09/2010 Dettagli Di Valley Of Smoke
16/07/2007 Nuovo EP
21/07/2006 Nuovo Brano Online
21/06/2006 Arriva il Full Lenght

tAXI dRIVER consiglia

Martyr - Feeding The AbscessMartyr
Feeding The Abscess
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold
Buried Inside - ChronoclastBuried Inside
Chronoclast
Fredrik ThordendalFredrik Thordendal's Special Defects
Sol Niger Within
Intronaut - Null EPIntronaut
Null EP
1980 - 19801980
1980
Coprofago - Unorthodox Creative CriteriaCoprofago
Unorthodox Creative Criteria
Dreadnought - EmergenceDreadnought
Emergence
Meshuggah - Contraddiction CollapseMeshuggah
Contraddiction Collapse
Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen