´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk alternative [ indie ] stoner experimental drone elettronica grunge

Ascension - Jesu (Caldo Verde)


Jesu - Ascension
indie / post rock / shoegaze

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Voto utenti (228):

Produzione: Justin Broadrick
Anno: 2011

Scheda autore: Jesu



Quando la patetica avventura degli Jesu giungera' al tanto atteso capolinea li ricorderemo per un Ep e un album di debutto meravigliosi e per un "Conqueror" buono per tre quarti. Forse ci terremo un paio di canzoncine sparse qua e la' (facciamo "Sunrise" e "Dead Eyes" e che non se ne parli piu'), dopodiche' basta. Perche' non ce ne facciamo assolutamente un bel niente di queste lagne appestanti, di queste cantilene mosce che provocano ascessi cutanei sul 90% del corpo. L'inutilita' degli Jesu supera con "Ascension" quel limite che con "Infinity" del 2009 supponevamo non sarebbe stato valicato. E invece e' un dramma essere smentiti in questo modo.

Sessantuno (61) minuti di dream-pop che di dream non ha niente, bensi' il vero protagonista e' il coma profondo che ci afferra la caviglia per tirarci giu'.

Non manca nulla del morboso trademark che il progetto e' andato delineando dal 2005 ad oggi: la chitarra ronzante alla maniera dello shoegaze tiene a bada le tiritere vocali di un Justin Broadrick assolutamente inadatto nel ruolo di presunto singer melodico, come predichiamo da un bel pezzo ormai. Stilisticamente immobili da almeno un lustro, gli Jesu non sono capaci di mettere nero su bianco una composizione che non esasperi l'ascoltatore.

I ritmi lenti e fluidi come l'olio fritto nello scarico del lavabo sono tutti uguali e applicati tali e quali ad ognuna delle dieci tracce di "Ascension". Si arriva a "Broken Home" e si e' gia' stremati, sembra sia passata un'intera era geologica da quando l'album e' cominciato, poi si da' una sbirciata alla tracklist e arriva puntuale il calo di pressione: siamo solo al quarto brano. Urge rifornimento di zucchero per tenere duro fino alla fine.

Eppure "Fools" promette bene col suo inizio folkeggiante e regge per l'intera durata col suo andamento ciclico, ma da "Birth Day" in poi non c'e' via di scampo, gli Jesu ci tramortiscono con questa musica orrenda e innocua allo stesso tempo. Si salva solo "Sedatives", ma perche' esce un po' fuori dal copione.

A meno che non siate dei masochisti patentati, state lontani anni luce da questa roba qui.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Fools; Sedatives.


Vota Questo Disco:

Questa recensione Ú stata letta 1836 volte!


Altre Recensioni

Jesu - ConquerorJesu
Conqueror
Jesu - InfinityJesu
Infinity
Jesu - JesuJesu
Jesu
Jesu - Silver EPJesu
Silver EP

Live Reports

19/05/2005TorinoAntidox
26/05/2006LegnanoJail
14/04/2012TilburgRoadburn 2012 Day 3

NEWS


13/10/2010 Nuovo Brano In Streaming
03/09/2006 Numerosi Progetti di Justin
23/02/2006 Nuovo EP ad Aprile

tAXI dRIVER consiglia

Low - Things We Lost In The FireLow
Things We Lost In The Fire
Slint - SpiderlandSlint
Spiderland
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics
90 Day Men - To Everybody90 Day Men
To Everybody
Vanessa Van Basten - Vanessa Van BastenVanessa Van Basten
Vanessa Van Basten
65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math
Don Caballero - What Burns Never ReturnsDon Caballero
What Burns Never Returns
LL'Altra
In The Afternoon
Brutus - NestBrutus
Nest
65 Days Of Static - One Time For All Time65 Days Of Static
One Time For All Time