Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Conqueror - Jesu (Hydra Head)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Jesu - Conqueror
Voto:
Etichetta: Hydra Head
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / post-metal / shoegaze
Scheda autore: Jesu



L'anno appena iniziato ci offre anche il parto creativo di una mente illuminata come poche: Justin Broadrick. Il figlio di Godflesh questa volta ancora meno distruttivo, pi placido e soave, anche se gargantuano nel minutaggio come lecito attendersi da un buon disco griffato Hydra Head. La tensione emo-tiva un po' quella dell'EP di mezzo ('Silver') e da l necessario partire per capire dove diavolo sta andando questa forma musicale. Quell'antipasto era cos pieno di malinconia e speranza a profusione che aveva in qualche modo allarmato tutti coloro che di Godflesh volevano cibarsi, facendo intravvedere preoccupanti sviluppi ai confini dell'easy-listening: un anno dopo, in barba a tutto e a tutti, 'Conqueror' ne amplifica a dismisura il concetto ma, a sorpresa, ne viene fuori uno dei lavori pi indecifrabili del Broadrick post-Godflesh.

Non un album di quelli che puoi trovare nella sezione "emo", neanche volendo puntare il dito verso 'Mother Earth', e nemmeno uno di quelli che se li mangia un disco a caso dei Melvins, ai quali sicuramente poco importa se i riff di 'Old Year' o 'Medicine' li potrebbero tirare in ballo: una giusta e, in ultima analisi, riuscita via di mezzo, che innesta residuati metal sempre pi impercettibili dentro a strutture ancora una volta pi liquide e reiterate, ma divincolandosi dal tunnel della band che se la tira pur non proponendo niente di nuovo. In tempi in cui i profeti del post-* (i nomi li sapete) fanno i preziosi o semplicemente hanno staccato la spina della macchina del tempo azionata qualche anno fa, si potrebbe pensare che una semplice e disinteressata dichiarazione di intenti non poi cos male.

[Mirko Quaglio]

Canzoni significative: Old Year, Medicine, Mother Earth.


Questa recensione stata letta 4203 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Jesu - AscensionJesu
Ascension
Jesu - InfinityJesu
Infinity
Jesu - JesuJesu
Jesu
Jesu - Silver EPJesu
Silver EP

Live Reports

19/05/2005TorinoAntidox
26/05/2006LegnanoJail
14/04/2012TilburgRoadburn 2012 Day 3

NEWS


13/10/2010 Nuovo Brano In Streaming
03/09/2006 Numerosi Progetti di Justin
23/02/2006 Nuovo EP ad Aprile

tAXI dRIVER consiglia

5ive - Hesperus5ive
Hesperus
Burst - Lazarus BirdBurst
Lazarus Bird
Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising
Isis - Live 4 Selections 2001-2005Isis
Live 4 Selections 2001-2005
Zu - CarboniferousZu
Carboniferous
Les Discrets - Ariettes OublieesLes Discrets
Ariettes Oubliees
Pelican - The March Into The Sea EPPelican
The March Into The Sea EP
AA.VV. - Stones From The Sky Neurosound Vol.1AA.VV.
Stones From The Sky Neurosound Vol.1
Kongh - Shadows Of The ShapelessKongh
Shadows Of The Shapeless
Pelican - The Fire In Our Throats Wil Beckon The ThawPelican
The Fire In Our Throats Wil Beckon The Thaw