Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Jesu - Conqueror (Hydra Head)

Ultime recensioni

Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons
Baroness - StoneBaroness
Stone
Benefits - NailsBenefits
Nails
Sprain - The Lamb As EffigySprain
The Lamb As Effigy
Blut Aus Nord - Disharmonium - NahabBlut Aus Nord
Disharmonium - Nahab
Be Your Own Pet - MommyBe Your Own Pet
Mommy
Crawl - DamnedCrawl
Damned
The Armed - Perfect SaviorsThe Armed
Perfect Saviors
Home Front - Games of PowerHome Front
Games of Power
Mizmor - ProsaicMizmor
Prosaic
Spotlights - Alchemy For The DeadsSpotlights
Alchemy For The Deads
Mutoid Man - MutantsMutoid Man
Mutants
 AA.VV. - Superunknown Redux AA.VV.
Superunknown Redux
Somnuri - DesideriumSomnuri
Desiderium
Godflesh - PurgeGodflesh
Purge
Hasard - MalivoreHasard
Malivore
Khanate - To Be CruelKhanate
To Be Cruel
Divide And Dissolve - SystemicDivide And Dissolve
Systemic

Jesu - Conqueror
Autore: Jesu
Titolo: Conqueror
Etichetta: Hydra Head
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / post-metal / shoegaze

Voto:



L'anno appena iniziato ci offre anche il parto creativo di una mente illuminata come poche: Justin Broadrick. Il figlio di Godflesh questa volta ancora meno distruttivo, pi placido e soave, anche se gargantuano nel minutaggio come lecito attendersi da un buon disco griffato Hydra Head. La tensione emo-tiva un po' quella dell'EP di mezzo ('Silver') e da l necessario partire per capire dove diavolo sta andando questa forma musicale. Quell'antipasto era cos pieno di malinconia e speranza a profusione che aveva in qualche modo allarmato tutti coloro che di Godflesh volevano cibarsi, facendo intravvedere preoccupanti sviluppi ai confini dell'easy-listening: un anno dopo, in barba a tutto e a tutti, 'Conqueror' ne amplifica a dismisura il concetto ma, a sorpresa, ne viene fuori uno dei lavori pi indecifrabili del Broadrick post-Godflesh.

Non un album di quelli che puoi trovare nella sezione "emo", neanche volendo puntare il dito verso 'Mother Earth', e nemmeno uno di quelli che se li mangia un disco a caso dei Melvins, ai quali sicuramente poco importa se i riff di 'Old Year' o 'Medicine' li potrebbero tirare in ballo: una giusta e, in ultima analisi, riuscita via di mezzo, che innesta residuati metal sempre pi impercettibili dentro a strutture ancora una volta pi liquide e reiterate, ma divincolandosi dal tunnel della band che se la tira pur non proponendo niente di nuovo. In tempi in cui i profeti del post-* (i nomi li sapete) fanno i preziosi o semplicemente hanno staccato la spina della macchina del tempo azionata qualche anno fa, si potrebbe pensare che una semplice e disinteressata dichiarazione di intenti non poi cos male.

[Mirko Quaglio]

Canzoni significative: Old Year, Medicine, Mother Earth.


Questa recensione stata letta 4541 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Jesu - AscensionJesu
Ascension
Jesu - InfinityJesu
Infinity
Jesu - JesuJesu
Jesu
Jesu - Never EPJesu
Never EP
Jesu - Silver EPJesu
Silver EP

Live Reports

19/05/2005TorinoAntidox
26/05/2006LegnanoJail
14/04/2012TilburgRoadburn 2012 Day 3

NEWS


13/10/2010 Nuovo Brano In Streaming
03/09/2006 Numerosi Progetti di Justin
23/02/2006 Nuovo EP ad Aprile

tAXI dRIVER consiglia

Zu - CarboniferousZu
Carboniferous
Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP
Les Discrets - Ariettes OublieesLes Discrets
Ariettes Oubliees
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
AA.VV. - Stones From The Sky Neurosound Vol.1AA.VV.
Stones From The Sky Neurosound Vol.1
Pelican - The Fire In Our Throats Wil Beckon The ThawPelican
The Fire In Our Throats Wil Beckon The Thaw
Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Briqueville - QuelleBriqueville
Quelle
Dyskinesia - Dalla NascitaDyskinesia
Dalla Nascita