´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Ys - Joanna Newsom (Drag City)


Joanna Newsom - Ys
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Drag City
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / folk / indie
Scheda autore: Joanna Newsom



Essendo il disco pi¨ chiacchierato dell'anno potevano forse esimerci di recensirlo? Anche perchŔ i nostri lettori, per quanto abituati a suoni ben diversi, tramite il chiacchierio potrebbero essere tentati di farlo anche loro disco dell'anno...

Nel nostro piccolo potremo semplicemente definirlo disco natalizio, senza togliere indubbi meriti. Ma si sÓ, l'hype porta antipatia o cieca devozione, quindi nolenti finiremo nella cerchia dei "bastian contrario".

Joanna, pur con il suo visino angelico e la voce da fatina Ŕ una arguta calcolatrice. Il che non sarebbe un male se non provenisse dal retroterra indie dell'"arrangiati con quello che puoi".

Quindi, mantiene le credenziali registrando il disco da Steve Albini. Un disco senza chitarre nŔ batteria. Come andare dai Daft Punk e fargli produrre il nuovo dei Black Flag.

Poi vai da mister-noia Jim O'Rourke e glielo fai mixare. Non prima di chiamare quel monumento vivente di Van Dyke Parks e convincerlo a inserire arrangiamenti orchestrali sul nulla pi¨ assoluto.

Aggiungiamo un po' di sponsorizzazioni buone come Devendra Banhart e Smog, un visino da copertina e la spocchia del disco indistruggibile (per i nomi di cui sopra).

Ne viene fuori un disco di folk-prog, un po' Walt Disney, parecchio verboso, i cui meriti andrebbero attribuiti solamente a Van Dyke Parks. Stupisce tutto questo clamore quando nelle polverose sezioni "celtica" o "cartoni animati" dei negozi di dischi si pu˛ trovare di meglio. Stupisce perchŔ questo "YS" (prog fin dal titolo, chi ricorda Il Balletto Di Bronzo?) mostra il tentativo del pubblico indie di staccarsi dai soliti clichŔ pompando un album solo per i nomi coinvolti, ma di fatto verrÓ ascoltato e capito da una quantitÓ ridotta di loro.

Guardando il minutaggio delle singole composizioni (tra i 9 e i 15 minuti cadauno) qualcuno penserÓ alla risposta folk al postrock o allo Spiderland delle cantautrici. Per il sottoscritto invece sembra solo una Loreena Mckennitt distribuita malamente.

[Dale P.]

Canzoni significative: Sawdust & Diamonds.


Questa recensione Ú stata letta 2759 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans