´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Kall - Brand (Prophecy)

Ultime recensioni

Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons
Baroness - StoneBaroness
Stone
Benefits - NailsBenefits
Nails
Sprain - The Lamb As EffigySprain
The Lamb As Effigy
Blut Aus Nord - Disharmonium - NahabBlut Aus Nord
Disharmonium - Nahab
Be Your Own Pet - MommyBe Your Own Pet
Mommy
Crawl - DamnedCrawl
Damned
The Armed - Perfect SaviorsThe Armed
Perfect Saviors
Home Front - Games of PowerHome Front
Games of Power
Mizmor - ProsaicMizmor
Prosaic
Spotlights - Alchemy For The DeadsSpotlights
Alchemy For The Deads
Mutoid Man - MutantsMutoid Man
Mutants
 AA.VV. - Superunknown Redux AA.VV.
Superunknown Redux
Somnuri - DesideriumSomnuri
Desiderium
Godflesh - PurgeGodflesh
Purge
Hasard - MalivoreHasard
Malivore
Khanate - To Be CruelKhanate
To Be Cruel
Divide And Dissolve - SystemicDivide And Dissolve
Systemic

Kall - Brand
Autore: Kall
Titolo: Brand
Etichetta: Prophecy
Anno: 2020
Produzione: Peter Lindqvist
Genere: metal / post-metal / progressive

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




AbilitÓ tecnica e fantasia sono due caratteristiche che non dovrebbero mancare ad un musicista metal: sia per ideare un riff sia per mettere a fuoco le idee per un disco. Ecco perchŔ fin dai primordi, estremizzando questo concetto, si Ŕ sviluppato l'amato/odiato "progressive metal": Voivod, Watch Tower, Coroner, Mekong Delta tra quelli pi¨ schizzati e Queensryche, Fates Warning, Savatage, Crimson Glory tra quelli pi¨ "classici". Se siete della prima scuola (quella schizzata) apprezzerete senza ombra di dubbio il secondo lavoro dei Kall, formazione svedese nata da una costola dei Lifelover.

I Kall sono molto particolari perchŔ prendono varie direzioni, sebbene di fondo ci sia un ambiente di scuola "depressive" a cavallo fra il doom e il black metal. Ma sono forti gli echi settantiani, i viaggi psichedelici stoner rock e una fantasia decisamente non comune. Molto azzeccato l'uso del sassofono di Sofia Hedman, strumento che in questi contesti risulta naturale quanto la chitarra e, purtroppo, poco usato.

Un disco che definirei da "amanti del Roadburn Festival", ovvero per coloro che amano il metal "alternativo", e non scontato. Tecnica e fantasia in "Brand" sono usati per creare un disco stimolante sia per il musicista che per l'ascoltatore. Bello.

[Dale P.]

Canzoni significative: Fervour, Eld.

Questa recensione Ú stata letta 601 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP
Jesu - JesuJesu
Jesu
Five The Hierophant - Through Aureate VoidFive The Hierophant
Through Aureate Void
Kall - BrandKall
Brand
No Spill Blood - Eye of NightNo Spill Blood
Eye of Night
Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Dyskinesia - Dalla NascitaDyskinesia
Dalla Nascita
Isis - OceanicIsis
Oceanic
Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla