Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ stoner ] post-metal post-hardcore metal grunge rock alternative

God Is Good - Om (Drag City)


Om - God Is Good
stoner / psych / experimental

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Voto utenti (243):

Etichetta: Drag City
Produzione: Steve Albini
Anno: 2009

Scheda autore: Om


Compra Om su Taxi Driver Store


Non lo nego: gli Om ai loro primi passi non mi fecero impazzire. Contando che venivano dagli Sleep, forse la più grande band stoner/doom di tutti i tempi, e contando che si proponevano in formazione ridotta (basso e batteria) dischi come "Variations On A Theme" e "Conference of The Birds" mi lasciarono parecchio perplesso.

Ma il problema era essenzialmente mio, perchè con la pubblicazione di Pilgrimage capii la loro grandezza.

Pilgrimage infatti è uno di quei dischi che si possono consigliare a scatola chiusa persino a gente che con il doom non ha niente a che fare. Saranno le reminescenze Pink Floyd (e chi dice che plagiano "Setting The Sun For The Hearth Of The Sun" non sbaglia), sarà quella delicatezza di fondo, sarà quell'approccio fondamentalmente rock che traghetta la band lontana dal classico ascoltatore in cerca di furioso headbanging.

Gli Om sono una band unica e pian pianino mi è entrata sotto pelle. Così tanto da considerarla tra le migliori cinque formazioni di adesso. Tra queste cinque inserisco i Grails, band da cui proviene il nuovo batterista Emil Amos entrato a sostituire il cavernicolo Chris Hakius.

L'unione fra Cisneros e Amos porta a questo figlio meraviglioso intitolato "God Is Good".

La formula è sempre la stessa: riff mantrici ripetuti allo sfinimento. Quello che colpisce stavolta è la volontà di costruire un viaggio più particolare. Quindi l'incalzare del drumming di Amos si rivela fondamentale per dare quelle sfumature, quei cambi di registro, quei guizzi che precedentemente erano rilegati nei pezzi più heavy. L'influenza dei Grails si sente nelle sfumature etniche: oltre ai tribalismi assortiti troviamo degli inserimenti di grande gusto: dal Tambura (una specie di sitar indiano senza tasti) suonato da Robert Aiki Aubrey Lowe dei 90 Day Men al flauto di Lorraine Rath degli Amber Asylum.

Questi ingredienti fanno fare un ulteriore passo avanti alla band di Cisneros, che aggira il limite della formula basso/batteria senza stravolgerla.

E' musica da ascolto al confine con il sonno, da amare in stato di trance, ma che anche da lucidi dona una piacevole sensazione di stordimento.

Fra i dischi più belli degli ultimi anni. Senza ombra di dubbio.

[Maso]

Canzoni significative: tutte.

Vota Questo Disco:
Condividi


Questa recensione é stata letta 4749 volte!


Altre Recensioni

Om - Advaitic SongsOm
Advaitic Songs
OM - Conference Of The BirdsOM
Conference Of The Birds
OM - Variations On A ThemeOM
Variations On A Theme

Live Reports

18/05/2004TorinoHiroshima Mon Amour
08/07/2003CorreggioFesta Dell'Unità
25/02/2006GenovaMadeleine
28/04/2006Venaria RealeTeatro Della Concordia
16/11/2006FirenzeAuditorium Flog
15/06/2007VeneziaHeineken Jammin Festival
14/07/2007MarconFrozen Rock Festival
01/11/2007GenovaBuridda
14/04/2011TilburgRoadburn Festival 2011 Day 1
19/04/2011TorinoUnited Club
20/07/2011TorinoSpaziale Festival
12/04/2012TilburgRoadburn 2012 Day 1
15/04/2012TilburgRoadburn 2012 Afterburner

NEWS


01/11/2012 Video di State Of Non-Return
08/08/2012 Tre Date In Italia
21/06/2012 Nuovo Brano In Anteprima
03/04/2012 Teaser Del Nuovo Disco
05/02/2012 Tour Europeo
13/08/2009 Copertina e Tracklist di God Is Good
30/05/2009 God Is Good a Settembre e Altre Novità
16/03/2009 Pronto Il Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia

AA.VV - Daze Of The Underground - A Tribute To HawkwindAA.VV
Daze Of The Underground - A Tribute To Hawkwind
Motorpsycho - BarracudaMotorpsycho
Barracuda
Dead Meadow - Dead MeadowDead Meadow
Dead Meadow
Mammatus - The Coast ExplodesMammatus
The Coast Explodes
OM - Conference Of The BirdsOM
Conference Of The Birds