Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Sigur Ros - Hvarf/Heim (EMI)

Ultime recensioni

Great Falls - Objects Without PainGreat Falls
Objects Without Pain
Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons
Baroness - StoneBaroness
Stone
Benefits - NailsBenefits
Nails
Sprain - The Lamb As EffigySprain
The Lamb As Effigy
Blut Aus Nord - Disharmonium - NahabBlut Aus Nord
Disharmonium - Nahab
Be Your Own Pet - MommyBe Your Own Pet
Mommy
Crawl - DamnedCrawl
Damned
The Armed - Perfect SaviorsThe Armed
Perfect Saviors
Home Front - Games of PowerHome Front
Games of Power
Mizmor - ProsaicMizmor
Prosaic
Spotlights - Alchemy For The DeadsSpotlights
Alchemy For The Deads
Mutoid Man - MutantsMutoid Man
Mutants
 AA.VV. - Superunknown Redux AA.VV.
Superunknown Redux
Somnuri - DesideriumSomnuri
Desiderium
Godflesh - PurgeGodflesh
Purge
Hasard - MalivoreHasard
Malivore
Khanate - To Be CruelKhanate
To Be Cruel

Sigur Ros - Hvarf/Heim
Autore: Sigur Ros
Titolo: Hvarf/Heim
Anno: 2007
Produzione: Sigur Ros
Genere: rock / post-rock / experimental

Voto:



A due anni di distanza dal loro ultimo lavoro in studio ("Takk"), tornano i Sigur Ros. E tornano alla grande con un doppio EP che esce in contemporanea allo splendido documentario "Heima", testimonianza del tour estivo del 2006, in giro per la loro meravigliosa terra natia: l'Islanda.

Nel primo Cd, "Hvarf", troviamo brani elettrici, in parte inediti, in parte rivisitazioni di gemme del loro repertorio, risalenti ai vari periodi della band (1995-2002).

Si comincia con "Salka", dolcissima litania, inquietante e, come nel piu' classico repertorio dei nostri, in crescendo, con gli acuti di jn or birgisson che rincorrono il muro elettrico costruito dalla band.

Piu' tradizionalmente pop, "hljmalind" con chitarre che esplodono su un ritornello che rimane stampato in testa al primo ascolto.

C'e' potenza, c'e' gioia, c'e' introspezione, c'e' emozione, c'e'continua evocazione di terre desolatamente isolate, ma cosi' consolatorie.

Continua il viaggio con " gr", che si avvia leggera su un intro da carrilon e si accende, improvvisamente, con suoni che ricordano i "The Gathering" di "Nighttime Birds".

"Von" era la title-track dell'omonimo esordio della band (1997), ma risale addirittura a due anni prima quando il quartetto era ancora un trio; il pezzo stato riarrangiato poi con un lungo lavoro, svolto soprattutto durante i concerti, ed qui in una versione molto pi dilatata rispetto all'originale; si sfiorano i 10 minuti di stupore.

La prima parte si chiude con "hafsl" (anch'essa ripescata dal primo album). Inizia con un giro di basso tooleggiante, e continua come una preghiera ripetitiva ed emozionante. Ascoltatela in silenzio, soli. Splendida. Intensa. Il picco di questo primo EP, concluso da una lunga outro in cui voce, violini, chitarre, sezione ritmica, si arrampicano, si rincorrono, ci elevano. Impossibile rimanere indifferenti.

Nella seconda parte di questo doppio EP, "Heim", troviamo registrazioni live, in versione acustica.

Il primo brano, "samskeyti", interamente strumentale, presente anche nell'album "()" ed registrata al termine di un concerto, senza il pubblico ormai sfollato. Sorprende la pulizia perfetta dei suoni. Puri.

"starlfur", pezzo del 1998, che la band ha tralasciato molto durante gli ultimi tour, viene riproposto in una splendida versione acustica registrata live nello studio della band. Vengono alla mente i Radiohead pi calmi, soprattutto nella voce e, per una volta, la band islandese si cimenta nella forma pi classica di canzone senza i continui cambi atmosferici a cui ci hanno abituati.

Incredibile "Vaka", registrata outdoor dalla band, sotto una lieve pioggia, con il trio d'archi islandese amiina girls. Se ascoltate attentamente, sentirete anche il canto degli uccelli (anche loro si esibiscono live!) fare da sfondo a questo piccolo gioiello di calma.

"gtis byrjun" (introdotta da un piano avvolgente), "heystan" e "von" (gi ascoltata nel primo di questi due cd in versione elettrica), chiudono il disco.

"Hvarf/Heim" , in definitiva, un modo meraviglioso per avvicinare questa imperdibile band. Per i fans, non credo di dover aggiungere altro.

[Francesco Traverso]

Canzoni significative: "hafsl", "Von" e "hljmalind".


Questa recensione stata letta 3251 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Sigur Ros - Me Su I Eyrum Vi Spilum EndalaustSigur Ros
Me Su I Eyrum Vi Spilum Endalaust
Sigur Rs - TakkSigur Rs
Takk

NEWS


17/03/2006 Tornano In Italia

tAXI dRIVER consiglia

65 Days Of Static - One Time For All Time65 Days Of Static
One Time For All Time
Red Sparowes - At The Soundless DawnRed Sparowes
At The Soundless Dawn
 Madrigali Magri
L'Avaro
Yuppie Flu - Days Before The DayYuppie Flu
Days Before The Day
65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math
Jambinai - ONDAJambinai
ONDA
Low - Things We Lost In The FireLow
Things We Lost In The Fire
 Miranda
Whale Shit
Ronin - RoninRonin
Ronin
Giardini Di Mir - Rise And Fall Of Academic DriftingGiardini Di Mir
Rise And Fall Of Academic Drifting