´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Steve Von Till - No Wilderness Deep Enough (Neurot)

Ultime recensioni

Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvńrjelsen - AtlasBesvńrjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
St÷ner - Totally...St÷ner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable

Steve Von Till - No Wilderness Deep Enough
Titolo: No Wilderness Deep Enough
Etichetta: Neurot
Anno: 2020
Produzione: Randall Dunn
Genere: rock / folk / experimental

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta No Wilderness Deep Enough





Approcciare un disco dei Neurosis o quello di uno dei suoi componenti Ŕ sia un piacere che una fatica. Il piacere di ascoltare musica interessante, mai banale, intensa e ricca di significati. La fatica di uscirne a pezzi, con un umore non proprio solare e l'interrogativo se volerne ancora o non ascoltarla mai pi¨.

Ecco perchŔ ho imparato ad approcciare i loro lavori con calma, un poco alla volta, giudicandoli solo dopo averli metabolizzati.

Siamo quasi tutti d'accordo che Steve Von Till Ŕ il membro pi¨ interessante del progetto Neurosis, molto pi¨ del compagno Scott Kelly il quale Ŕ talvolta talmente parossistico da sfiorare la macchietta. Steve sa dosarsi, ragiona su ascolto molto dilatato e, soprattutto, pi¨ spirituale.

Tutto questo preambolo per dire che da Agosto a oggi (Febbraio) ho ascoltato questo disco con calma, con l'approccio da "singolo" e non da disco completo. Certo, non si parla di Dua Lipa o Beyonce: esattamente l'opposto. Ogni canzone del disco, per˛, Ŕ talmente ricca da soddisfare l'ascoltatore. Non perchŔ sia piena di arrangiamenti, virtuosisimi o chissÓ che barocchismi. Sono ricchi di intensitÓ e poesia, nella consueta sensibilitÓ da uomo vissuto. Un po' un papÓ, un po' uno zio, un po' l'eremita della montagna.

Ascoltatelo con calma, magari non nelle giornate di sole.

[Dale P.]

Canzoni significative: Shadows On The Run, Dreams Of Trees.


Questa recensione Ú stata letta 549 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Steve Von Till - A Deep Voiceless WildernessSteve Von Till
A Deep Voiceless Wilderness

tAXI dRIVER consiglia

Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
Southern Isolation - Southern IsolationSouthern Isolation
Southern Isolation
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs