´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Steve Von Till - No Wilderness Deep Enough (Neurot)

Ultime recensioni

Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null

Steve Von Till - No Wilderness Deep Enough
Titolo: No Wilderness Deep Enough
Etichetta: Neurot
Anno: 2020
Produzione: Randall Dunn
Genere: rock / folk / experimental

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta No Wilderness Deep Enough





Approcciare un disco dei Neurosis o quello di uno dei suoi componenti Ŕ sia un piacere che una fatica. Il piacere di ascoltare musica interessante, mai banale, intensa e ricca di significati. La fatica di uscirne a pezzi, con un umore non proprio solare e l'interrogativo se volerne ancora o non ascoltarla mai pi¨.

Ecco perchŔ ho imparato ad approcciare i loro lavori con calma, un poco alla volta, giudicandoli solo dopo averli metabolizzati.

Siamo quasi tutti d'accordo che Steve Von Till Ŕ il membro pi¨ interessante del progetto Neurosis, molto pi¨ del compagno Scott Kelly il quale Ŕ talvolta talmente parossistico da sfiorare la macchietta. Steve sa dosarsi, ragiona su ascolto molto dilatato e, soprattutto, pi¨ spirituale.

Tutto questo preambolo per dire che da Agosto a oggi (Febbraio) ho ascoltato questo disco con calma, con l'approccio da "singolo" e non da disco completo. Certo, non si parla di Dua Lipa o Beyonce: esattamente l'opposto. Ogni canzone del disco, per˛, Ŕ talmente ricca da soddisfare l'ascoltatore. Non perchŔ sia piena di arrangiamenti, virtuosisimi o chissÓ che barocchismi. Sono ricchi di intensitÓ e poesia, nella consueta sensibilitÓ da uomo vissuto. Un po' un papÓ, un po' uno zio, un po' l'eremita della montagna.

Ascoltatelo con calma, magari non nelle giornate di sole.

[Dale P.]

Canzoni significative: Shadows On The Run, Dreams Of Trees.


Questa recensione Ú stata letta 604 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Steve Von Till - A Deep Voiceless WildernessSteve Von Till
A Deep Voiceless Wilderness

tAXI dRIVER consiglia

Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
Johnny Cash - The Man Comes AroundJohnny Cash
The Man Comes Around
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower
Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine
Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues