´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Djinn - Uada (Eisenwald Tonschmiede)

Ultime recensioni

Tetrarch - UnstableTetrarch
Unstable
Dust Moth - Rising // SailingDust Moth
Rising // Sailing
Big Brave - VitalBig Brave
Vital
Godspeed You Black Emperor - G_dGodspeed You Black Emperor
G_d's Pee AT STATE'S END!
The Armed - UltrapopThe Armed
Ultrapop
Thronehammer - Incantation RitesThronehammer
Incantation Rites
Genghis Tron - Dream WeaponGenghis Tron
Dream Weapon
Motorpsycho - Kingdom Of OblivionMotorpsycho
Kingdom Of Oblivion
Bongzilla - WeedsconsinBongzilla
Weedsconsin
Slow Machine - Black Tide EPSlow Machine
Black Tide EP
Dvne - Etemen ĂnkaDvne
Etemen Ănka
Might - MightMight
Might
Appalooza - The Holy Of HoliesAppalooza
The Holy Of Holies
Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From

Uada - Djinn
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2020
Produzione: Jake Superchi
Genere: metal / black metal /
Scheda autore: Uada



Tre dischi in quattro anni sono parecchi all'interno di un mercato giÓ saturo. Inoltre, mentre "Devoid Of Light" aveva lanciato gli Uada tra le migliori proposte in ambito black metal melodico, "Cult Of A Dying Sun" ha rappresentato un leggero passo indietro per il gruppo di Portland.

Diciamo subito che "Djinn" si smarca almeno in parte dai due predecessori per una maggior componente melodica, un modesto alleggerimento del suono a favore della pulizia dei suoni e di alcuni momenti pi¨ cadenzati, quasi doom. Ad un primo ascolto, si rimane un po' spiazzati, da qualche passaggio fin troppo gentile, ma pian piano le canzoni entrano dentro e ci si ritrova ad alzare il volume in un attimo. Le sfuriate in blast beat pulite e melodiche sono ormai un marchio di fabbrica della band e rimangono un grande godimento anche in questo lavoro come in "The Great Mirage" che gode di un lungo solo finale dai richiami NWOBHM.

Si finisce con il venire trascinati dal piglio dei quattro anche quando le melodie sembrano fin troppo catchy come nella title track e si viene premiati da momenti epici ed emozionanti come la quinta traccia "Foresteless", che si stacca un po' dal resto dell'album grazie ad un'interessante intro psichedelica.

Gli Uada sembrano giocare con noi ascoltatori, a tratti paraculi, a tratti formidabili, sarebbe bello poterli testare una volta dal vivo.

[Francesco Traverso]

Canzoni significative: The Great Mirage, Djinn, Forestless.

Questa recensione Ú stata letta 185 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Mgla - Age Of ExcuseMgla
Age Of Excuse
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Shining - Black JazzShining
Black Jazz
Wolves In The Throne Room - Celestial LineageWolves In The Throne Room
Celestial Lineage
White Ward - Love Exchange FailureWhite Ward
Love Exchange Failure
Mizmor - CairnMizmor
Cairn
Liturgy - AesthethicaLiturgy
Aesthethica
Menace Ruine - Union Of IrreconcilablesMenace Ruine
Union Of Irreconcilables
Deathspell Omega - The Furnaces Of PalingenesiaDeathspell Omega
The Furnaces Of Palingenesia
Triptykon - Eparistera DaimonesTriptykon
Eparistera Daimones