´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Uada - Djinn (Eisenwald Tonschmiede)

Ultime recensioni

Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim
Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq
Limp Bizkit - Still SucksLimp Bizkit
Still Sucks

Uada - Djinn
Autore: Uada
Titolo: Djinn
Anno: 2020
Produzione: Jake Superchi
Genere: metal / black metal /

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Djinn





Tre dischi in quattro anni sono parecchi all'interno di un mercato giÓ saturo. Inoltre, mentre "Devoid Of Light" aveva lanciato gli Uada tra le migliori proposte in ambito black metal melodico, "Cult Of A Dying Sun" ha rappresentato un leggero passo indietro per il gruppo di Portland.

Diciamo subito che "Djinn" si smarca almeno in parte dai due predecessori per una maggior componente melodica, un modesto alleggerimento del suono a favore della pulizia dei suoni e di alcuni momenti pi¨ cadenzati, quasi doom. Ad un primo ascolto, si rimane un po' spiazzati, da qualche passaggio fin troppo gentile, ma pian piano le canzoni entrano dentro e ci si ritrova ad alzare il volume in un attimo. Le sfuriate in blast beat pulite e melodiche sono ormai un marchio di fabbrica della band e rimangono un grande godimento anche in questo lavoro come in "The Great Mirage" che gode di un lungo solo finale dai richiami NWOBHM.

Si finisce con il venire trascinati dal piglio dei quattro anche quando le melodie sembrano fin troppo catchy come nella title track e si viene premiati da momenti epici ed emozionanti come la quinta traccia "Foresteless", che si stacca un po' dal resto dell'album grazie ad un'interessante intro psichedelica.

Gli Uada sembrano giocare con noi ascoltatori, a tratti paraculi, a tratti formidabili, sarebbe bello poterli testare una volta dal vivo.

[Francesco Traverso]

Canzoni significative: The Great Mirage, Djinn, Forestless.

Questa recensione Ú stata letta 266 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Ettrick - Sudden Arrhythmic DeathEttrick
Sudden Arrhythmic Death
Menace Ruine - Union Of IrreconcilablesMenace Ruine
Union Of Irreconcilables
BrÝi - Sem PropˇsitoBrÝi
Sem Propˇsito
BrÝi - Entre Tudo que Ú Visto e OcultoBrÝi
Entre Tudo que Ú Visto e Oculto
Shining - Black JazzShining
Black Jazz
Liturgy - H.A.Q.Q.Liturgy
H.A.Q.Q.
Wolves In The Throne Room - Primordial ArcanaWolves In The Throne Room
Primordial Arcana
Oranssi Pazuzu - KosmonumentOranssi Pazuzu
Kosmonument
Darkthrone - Old StarDarkthrone
Old Star
Liturgy - AesthethicaLiturgy
Aesthethica