Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal [ post-hardcore ] metal grunge rock alternative

Carboniferous - Zu (Ipecac)


Zu - Carboniferous
post-hardcore / mathcore / metal

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Voto utenti (237):

Etichetta: Ipecac
Produzione: Giulio Favero
Anno: 2009

Scheda autore: Zu



Non ci sono parole adeguate per spiegare Carboniferous. Basta dire che suona esattamente come un disco intelligente del 2009, un disco che verrà criticato dal "passato che cerca di impedire il futuro", un disco che suona come la somma di tutto quello che esiste di bello nella musica. Oggi.

Già Klu Klux Klowns dei "Black Engine" (Zu + Eraldo Bernocchi) suonava come una svolta metal per il trio romano ma, pur essendo un ottimo disco il sottoscritto sapeva che per la band principale di Pupillo e compagni avrebbero estratto qualcosa di infinitamente meglio. E badate bene: infinitamente.

Svolta metal. Mentre i nostri genitori sono distratti da Vespa, Mentana e Bonolis la nostra generazione non sta meglio: musica ruffiana spacciata per indie, pop spacciato per emo, spazzatura spacciato per nuovo trend. Certe band, per fortuna riescono a stare al di fuori di ogni genere: Meshuggah, Mastodon, Melvins, Kylesa, Baroness, Om, sono i primi che mi vengono in mente. Zu. Carboniferous.

Sette anni sono passati dal loro disco precedente. E più di dieci dischi fra split, collaborazioni e quant'altro. Infiniti tour in giro per il mondo. Un ritmo che li rende i Black Flag di oggi.

E questo disco è nero, eccitante, cervellotico e ballabile. Eccitante soprattutto. Indecifrabile e indescrivibile.

Il jazz-core è morto. Ma il jazz-core è musica che suona vecchia di dieci anni fa. Gli Zu di oggi sono un mostro sonoro inafferabile che si fa gioco di tutto, che tritura ascolti e intuizioni e li rende un monolite nero da adorare.

Carboniferous è un disco che diventa riferimento nella musica mondiale. Noi non abbiamo altro da aggiungere.

Ah i contributi esterni: Giulio Ragno Favero al suono, alla chitarra e oscillatori, King Buzzo alla chitarra, Mike Patton alla voce e Alessandro “Pacho” Rossi alle percussioni.

[Maso]

Canzoni significative: tutte.


Vota Questo Disco:
Condividi


Questa recensione é stata letta 5410 volte!


Altre Recensioni

Zu - & Xabier Iriondo / Iceburn - Split SeriesZu
& Xabier Iriondo / Iceburn - Split Series
Zu - /Dalek - Zu vs DalekZu
/Dalek - Zu vs Dalek
Zu - Live In HelsinkiZu
Live In Helsinki

Live Reports

11/07/2004VareseGhost Day 2004
07/06/2003Nizza MonferratoTora Tora! 2003
18/06/2005GenovaVilla Croce
08/07/2003CorreggioFesta Dell'Unità
28/04/2006Venaria RealeTeatro Della Concordia
14/04/2012TilburgRoadburn 2012 Day 3

NEWS


16/09/2014 Disco Con Eugene Robinson degli Oxbow
12/02/2011 Jacopo Battaglia Lascia
03/11/2006 Zufest A Genova

tAXI dRIVER consiglia

Lethargy - Discography 93-99Lethargy
Discography 93-99
Apiary - Lost In FocusApiary
Lost In Focus
Valerian Swing - A Sailor Lost Around The EarthValerian Swing
A Sailor Lost Around The Earth
Converge - Jane DoeConverge
Jane Doe
Comity - As Everything Is A TragedyComity
As Everything Is A Tragedy