Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Field Songs - Mark Lanegan (Sub Pop)

Ultime recensioni

Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion

Mark Lanegan - Field Songs
Voto:
Etichetta: Sub Pop
Anno: 2001
Produzione:
Genere: rock / folk / pop
Scheda autore: Mark Lanegan



Sembra che l'ex Screaming Trees abbia trovato un ottimo modo per vivere di rendita. Vedendo che i suoi dischi solista vendevano di più ed erano maggiormente apprezzati dalla critica rispetto a quelli del suo ex gruppo, ha deciso di dare una svolta professionale alla sua carriera. Ovvero rendere il suo lavoro non un progetto estemporaneo ma una cosa fissa. Il che vuol dire: disco, tour, promozione, disco. Questo è legittimo ma ha fatto perdere il fascino a tutta l'operazione. I primi due dischi (fatti quando gli alberi urlanti erano ancora in vita) sono delle pietre miliari che non dovrebbero mancare in nessuna casa. I successivi invece suonano di maniera. Le classiche ballatone tristi, il vocione di Lanegan e qualche ospite. Non rifugge da questa trappola neanche questo disco che, comunque, è superiore al 90% delle produzioni odierne. Ma qualcosina in più era lecito aspettarcelo. A questo punto speriamo che, dopo il suo ingresso nei Queens Of The Stone Age, di poter riascoltare il nostro in piena forma. Un mezzo passo falso.

[Dale P.]

Canzoni significative: One Way Street, Blues For D.

Questa recensione é stata letta 3663 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Mark Lanegan - And Isobel Campbell - Ballad Of The Broken SeasMark Lanegan
And Isobel Campbell - Ballad Of The Broken Seas
Mark Lanegan - BubblegumMark Lanegan
Bubblegum
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Mark Lanegan - SomebodyMark Lanegan
Somebody's Knocking

Live Reports

03/12/2003MilanoRainbow
04/09/2004BolognaIndipendent Days Festival
29/11/2012RomaOrion

NEWS


22/09/2014 Annunciato il Tour Europeo
27/08/2014 Ascolta Una Nuova Canzone
09/11/2011 Nuovo Album A Febbraio
06/04/2005 Abbandona il Tour dei QOTSA

tAXI dRIVER consiglia

Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Johnny Cash - The Man Comes AroundJohnny Cash
The Man Comes Around
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower
Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Southern Isolation - Southern IsolationSouthern Isolation
Southern Isolation
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine