Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Mirrorball - Neil Young (Reprise)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Neil Young - Mirrorball
Voto:
Etichetta: Reprise
Anno: 1995
Produzione:
Genere: rock / grunge / alternative
Scheda autore: Neil Young



Era il 1995 e Neil Young era un po' che fece amicizia con un giovane gruppo di Seattle: i Pearl Jam. Loro gli tributarono il giusto tributo suonando quasi ogni sera cover tipo Rockin'In The Free World o Fuckin'Up, Neil Young, invece, decise che sarebbe stato bello suonare un paio di pezzi con loro. Potete immaginare la gioia di suonare con il proprio mito e, infatti, la band di Eddie Vedder non se lo fece ripetere due volte. Era il periodo post-Vitalogy e alla batteria sedeva Jack Irons al posto del dimissionario Dave Abruzzese, il chè garantiva un sound potente e lineare. Dalla loro i Pearl Jam ci misero un sacco di chitarre e poco di più. Chi si aspettava una vera collaborazione ne rimarrà deluso, Neil Young arrivava in studio con gli accordi e la band suonava. Due o tre take e nulla di più. Ne risultò un disco vivace e rumoroso, suonato bene e, soprattutto, spontaneo. L'idea originaria era quella di registrare un singolo con due canzoni (Song X e Act Of Love) ma quella stessa idea fu bocciata da Neil e riciclata dai Pearl Jam per il singolo Merkinball (con all'interno le fondamentali Longroad e I Got Id con alla voce Vedder e alla chitarra e organo Neil Young, oltre al resto della band più il fidato produttore Brendan O'Brien, lo so è un casino, compratelo e fidatevi!). Neil Young, eccitato dall'avere una giovane e nuova backing band si lasciò andare e ne venne fuori con 11 composizioni. Il disco, lungo e duro al punto giusto, fu forse più utile a Neil Young che al suo pubblico. La casa discografica pensò bene di non pubblicizzare i Pearl Jam per far vendere più copie (Neil Young è su Reprise mentre i PJ su Epic/Sony) e non trovò i milioni di possibili giovani fruitori. E' un peccato, anche perchè brani come "I'm The Oceans" o "Downtown" sono di una bellezza universale. Da segnalare "Peace And Love" con un mini dialogo generazionale fra il vecchio Neil e il giovane Vedder. Non solo per curiosi.

[Dale P.]

Canzoni significative: I'm The Oceans, Song X, Peace And Love.

Questa recensione é stata letta 6785 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Neil Young - GreendaleNeil Young
Greendale
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Neil Young - Prairie WindNeil Young
Prairie Wind
Neil Young - WeldNeil Young
Weld

tAXI dRIVER consiglia

Nirvana - BleachNirvana
Bleach
Hole - Live Through ThisHole
Live Through This
Soundgarden - Screaming LifeSoundgarden
Screaming Life
Godsmack - FacelessGodsmack
Faceless
Mudhoney - Piece Of CakeMudhoney
Piece Of Cake
Pearl Jam - No CodePearl Jam
No Code
Soundgarden - Down On The UpsideSoundgarden
Down On The Upside
Neil Young - MirrorballNeil Young
Mirrorball
Mudhoney - MudhoneyMudhoney
Mudhoney
Alice In Chains - LiveAlice In Chains
Live