Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Youth - Velvet Score (Black Candy)

Ultime recensioni

Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Nova Twins - Who Are The Girls?Nova Twins
Who Are The Girls?

Velvet Score - Youth
Voto:
Etichetta: Black Candy
Anno: 2004
Produzione:
Genere: rock / post-rock /
Scheda autore: Velvet Score



Fossi un discografico farei uscire solo EP. Il formato medio (circa 20 minuti di durata), che all'epoca del vinile aveva l'aspetto del 10", è quello in cui comprimi il meglio di te stesso. Se confezioni un EP scarso cosa potrai fare sulla lunga distanza??

I Velvet Score, purtroppo, non hanno confezionato un EP e 50 minuti risultano pure troppi. Ed è un peccato perchè i primi 4 brani (che insieme fanno mezzora di musica, quindi pure più di un EP) sono belli, addirittura i primi due fantastici. Purtroppo rovinano tutto con le ultime 3 composizioni non particolarmente ispirate e un po' noiose.

Ma ancora non vi ho detto cosa suonano i Velvet Score. Immaginatevi un'incrocio tra i Mogwai e i Radiohead di Ok Computer. Un post-rock fatto di arpeggi e sfuriate, parti strumentali orecchiabili e piacevoli senza dimenticare l'azzeccato uso della voce. Lontani da noiose sperimentazioni la band suona come una mutazione del suono portato in Italia da band come Giardini Di Mirò.

In sostanza, un disco riuscitissimo fin oltre la metà e un po' noiosetto verso la fine: il bicchiere è certamente mezzo pieno!! Ascoltateli: lo meritano senz'altro.

[Dale P.]

Canzoni Significative: Back To The Painter's Brush, Crying On Pop Corn.

Questa recensione é stata letta 2827 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Red Sparowes - At The Soundless DawnRed Sparowes
At The Soundless Dawn
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics
65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math
Slint - SpiderlandSlint
Spiderland
Red Sparowes - Every Red Heart Shines Toward the Red SunRed Sparowes
Every Red Heart Shines Toward the Red Sun
Battles - Juice B CryptsBattles
Juice B Crypts
Yuppie Flu - Days Before The DayYuppie Flu
Days Before The Day
Low - Things We Lost In The FireLow
Things We Lost In The Fire
Grails - Black Tar Prophecies VolGrails
Black Tar Prophecies Vol's 1,2, & 3
 Miranda
Whale Shit