Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Silverbacks - Archive Material (Full Time Hobby)

Ultime recensioni

Sonic Universe - It Is What It IsSonic Universe
It Is What It Is
Orange Goblin - Science Not FictionOrange Goblin
Science Not Fiction
Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will

Silverbacks - Archive Material
Autore: Silverbacks
Titolo: Archive Material
Anno: 2022
Produzione: Daniel Fox
Genere: rock / post-punk / indie

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Archive Material





Sebbene la deriva "commerciale" del post-punk sia in agguato le band continuano a tenere duro e a proporre dischi non troppo convenzionali. Questo secondo disco dei dublinesi Silverbacks non fa eccezione: ci sono sì concessioni facili ma per 3/4 del tempo il disco prende direzioni tutte sue non troppo lontane dall'indie sbilenco di fine anni 90. Un nome su tutti: Pavement. In "Archive Material" ci sento l'indolenza, le melodie sghembe, il chitarrismo stravagante della band di Malkmus, oltre al beat funkeggiante del post-punk americano e a certe divagazioni arty di scuola Television. Ma c'è talmente tanta scelta sonora che questo "materiale d'archivio" suona quasi come un demo delle potenzialità del gruppo più che un "concept". Ad esempio un paio di brani sono cantanti dalla bassista Emma Hanlon, che la sua voce gentile fornisce una differente interpretazione al sound della band.

Ma forse è proprio questo il loro bello: sorprendere l'ascoltatore, intrattenerlo e regalargli buone canzoni. Non eccellenti purtroppo ma forse è nel limite intrinseco di un sotto-sotto-sotto genere che fa dell'inafferabilità la sua forza. Alla produzione il bassista dei Girl Band Daniel Fox, a garantire che l'obiettivo dei Silverback non è quello di sbancare le classifiche.

[Dale P.]

Canzoni significative: Wear My Medal, They Were Never Our People.


Questa recensione é stata letta 331 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Home Front - Games of PowerHome Front
Games of Power
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Lice - WastelandLice
Wasteland
Secret Shame - Dark SyntheticsSecret Shame
Dark Synthetics
Fontaines D.C. - DogrelFontaines D.C.
Dogrel
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues