´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Black Country, New Road - Ants From Up There (Ninja tune)

Ultime recensioni

Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing

Black Country, New Road - Ants From Up There
Autore: Black Country, New Road
Titolo: Ants From Up There
Etichetta: Ninja tune
Anno: 2022
Produzione: Sergio Maschetzko
Genere: rock / post-punk / art-rock

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Ants From Up There





I gruppi inglesi hanno l'abitudine di durare il tempo di una stagione o poco pi¨: ai tempi si bruciavano nel giro di qualche singolo, oggi? L'esordio dei Black Country New Road era fondamentalmente una raccolta di singoli con un paio di inediti. Singoli sbilenchi, stravaganti ma accattivanti sulla scia del post rock anni 90. Oggi abbiamo in mano il secondo disco, quindi perchŔ lamentarci? PerchŔ dei sette membri della band se ne Ŕ andato il pi¨ importante: il cantante e autore Isaac Wood, lasciando l'onere degli ex colleghi di promuovere un disco. Un disco eccellente ma che suona come "Isaac Wood & The Black Country New Road". SarÓ quindi la fine della band? Per ora poco importa, tanto gli inglesi ci hanno abituato a continue reunion e tira e molla e speriamo che Isaac torni sui suoi passi.

C'Ŕ da dire che "Ants From Up There" Ŕ molto diverso dal disco d'esordio, nel bene e nel male. Nel male perchŔ quel mix di Slint e art rock cantautorale era decisamente bene riuscito, nel bene perchŔ rischiava di diventare un clichŔ. E perchŔ il difficile secondo album, in questo caso difficilissimo, Ŕ comunque un signor disco. Isaac amministra la band come un novello King Krule, sospeso fra art rock, barocchismi, folk, da crooner disperato e agitato che vorrebbe fare un po' di tutto. E come King Krule gli riesce bene, molto bene. Non Ŕ Robert Wyatt ma non mi stupirebbe un domani possa regalarci la sua "Moon In June". O magari sparirÓ nell'oblio. Nel dubbio non snobbate questo disco: con pazienza Ŕ in grado di dare parecchia soddisfazione.

[Dale P.]

Canzoni significative: Good Will Hunting, Haldern.


Questa recensione Ú stata letta 537 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time

tAXI dRIVER consiglia

Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Black Country, New Road - Ants From Up ThereBlack Country, New Road
Ants From Up There
Home Front - Games of PowerHome Front
Games of Power
Secret Shame - Dark SyntheticsSecret Shame
Dark Synthetics
Squid - Bright Green FieldSquid
Bright Green Field
Rosegarden Funeral Party - MartyrRosegarden Funeral Party
Martyr
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Idles - CrawlerIdles
Crawler