Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Tomahawk - Tomahawk (Ipecac)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Tomahawk - Tomahawk
Voto:
Etichetta: Ipecac
Anno: 2002
Produzione:
Genere: rock / alternative /
Scheda autore: Tomahawk

MP3: sample (30 secondi)


Mike Patton è Dio. Su questo non ci sono dubbi. Chi è capace di tanto estro da passare dai Faith No More ai Fantomas passando per Mr Bungle (in realtà il suo primo gruppo), Maldoror, dischi solista, collaborazioni varie e aggiungendo questo nuovo incredibile disco sfornando SEMPRE capolavori? Questo, in realtà, non è un parto tutto suo. Ma è nato dalla collaborazione con Duane Danison (chitarra nei fantastici Jesus Lizard), Kevin Rutmanis (basso nei Melvins e negli ancor più folli Cows) e John Stanier (indimenticato batterista degli Helmet). Questo basti per farvi capire le coordinate del gruppo. Non è quindi la solita follia pattoniana ai limiti della cacofonia ma è un nuovo gruppo che rimanda direttamente ai fasti dell'indie rock americano dei primi anni 90. I riff indimenticabili dei Jesus Lizard ci sono tutti, così come Patton certe volte assomiglia a Yow e a se stesso quando era giovane. Ma certi passaggi rimandano agli amici Melvins, quelli più accessibili e tosti di Houdini. Supergruppo migliore forse non si poteva trovare anche se i Fantomas li preferisco di gran lunga. Questione di gusti, credo. Da acquistare comunque a scatola chiusa. Patton va appoggiato qualunque cosa faccia!

[Dale P.]

Canzoni significative: Flashback, Point And Click.

Questa recensione é stata letta 5330 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Tomahawk - AnonymousTomahawk
Anonymous
Tomahawk - Mit GasTomahawk
Mit Gas

Live Reports

08/07/2003CorreggioFesta Dell'Unità

NEWS


30/11/2012 Video di Stone Letter
07/11/2011 Nuovo Disco In Arrivo
06/12/2005 Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia

Rollins Band - Get Some Go AgainRollins Band
Get Some Go Again
Meganoidi - And Then We Met Impero EPMeganoidi
And Then We Met Impero EP
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
Stone Gossard - BayleafStone Gossard
Bayleaf
Saul Williams - The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardustSaul Williams
The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardust
Mondo Generator - A Drug Problem That Never ExistedMondo Generator
A Drug Problem That Never Existed
Helms Alee - NoctilucaHelms Alee
Noctiluca
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Fiub - Brown StripesFiub
Brown Stripes
Mudhoney - Since WeMudhoney
Since We've Become Translucent