Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Mark Lanegan - Bubblegum (Beggars Banquet)

Ultime recensioni

Afsky - Om hundrede rAfsky
Om hundrede r
Acid King - Beyond VisionAcid King
Beyond Vision
Screaming Females - Desire PathwayScreaming Females
Desire Pathway
Oozing Wound - Cathers The CowardOozing Wound
Cathers The Coward
Returning - SeverenceReturning
Severence
Sandrider - EnveletrationSandrider
Enveletration
Big Brave - Nature MorteBig Brave
Nature Morte
Eunoia - Psyop of the YearEunoia
Psyop of the Year
Ciemra - The Tread Of DarknessCiemra
The Tread Of Darkness
Sisteria - Dark MatterSisteria
Dark Matter
... And Oceans - As In Gardens, So In Tombs... And Oceans
As In Gardens, So In Tombs
Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
Bri - Corpos TransparentesBri
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Misyrming - Me HamriMisyrming
Me Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade

Mark Lanegan - Bubblegum
Autore: Mark Lanegan
Titolo: Bubblegum
Anno: 2004
Produzione:
Genere: rock / alternative / pop

Voto:



Probabilmente Mark Lanegan non poteva trovare titolo pi brutto per il suo album. Ma allo stesso tempo, difficilmente poteva trovare canzoni migliori da buttarci dentro!

Field Songs stato il capitolo conclusivo della saga cantautoriale dell'ex Screaming Trees, una saga in cui si era arrivati ad un punto in cui era impossibile proseguire. Rigenerato dall'avventura "estrema" con i Queens Of The Stone Age, Mark riabbraccia l'istinto rock e se ne esce con un disco che difficilmente sarebbe potuto essere migliore.

Accreditato ad un'ipotetica Mark Lanegan Band, in realt, in ogni brano, c' questo e quell'ospite che impreziosisce il tutto. Che siano i cori eterei di PJ Harvey, la chitarra liquida di Josh Homme o il basso distorto di Nick Oliveri o, citando a caso, Greg Dulli, Izzy Stradlin, Troy Van Leeuwen, Chris Goss e una decina d'altri, ogni brano ha quel sapore, quel suono, quella sfumatura che lo rende speciale.

E' bello vedere che dopo pi di 15 anni che sulla scena il buon Mark ci regali ancora dei capolavori! Speriamo che non smetta mai!

[Dale P.]

Canzoni significative: Metamorphine Blues, Hit The City.

Questa recensione stata letta 3855 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Mark Lanegan - And Isobel Campbell - Ballad Of The Broken SeasMark Lanegan
And Isobel Campbell - Ballad Of The Broken Seas
Mark Lanegan - Field SongsMark Lanegan
Field Songs
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Mark Lanegan - SomebodyMark Lanegan
Somebody's Knocking

Live Reports

03/12/2003MilanoRainbow
04/09/2004BolognaIndipendent Days Festival
29/11/2012RomaOrion

NEWS


22/02/2022 Morto
22/09/2014 Annunciato il Tour Europeo
27/08/2014 Ascolta Una Nuova Canzone
09/11/2011 Nuovo Album A Febbraio
06/04/2005 Abbandona il Tour dei QOTSA

tAXI dRIVER consiglia

White Stripes - ElephantWhite Stripes
Elephant
Motorpsycho - Demon BoxMotorpsycho
Demon Box
Rollins Band - Get Some Go AgainRollins Band
Get Some Go Again
Fiub - Brown StripesFiub
Brown Stripes
Afterhours - Quello Che Non CAfterhours
Quello Che Non C'
Santo Niente - Occhiali Scuri Al Mattino EPSanto Niente
Occhiali Scuri Al Mattino EP
AA.VV. - Mescal.itAA.VV.
Mescal.it
Division Of Laura Lee - Black CityDivision Of Laura Lee
Black City
Danko Jones - We Sweat BloodDanko Jones
We Sweat Blood
Lingua - All My Rivals Are Imaginary GhostLingua
All My Rivals Are Imaginary Ghost